RIMINI

12/08/2018 - 07:15

di NICOLA STRAZZACAPA

Ronaldo infiamma i club della Romagna bianconera. Schizzano gli abbonati per la Juventus

Nonostante l’aumento dei prezzi tutti e quattro i circoli dei tifosi riminesi hanno avuto un’impennata di richieste

Ronaldo infiamma i club della Romagna bianconera. Schizzano gli abbonati per la Juventus

RIMINI. Il ciclone Ronaldo si abbatte anche sulla Riviera romagnola, nonostante i prezzi degli abbonamenti e dei biglietti della prima sfida casalinga con la Lazio all’Allianz Stadium siano lievitati del 30%, arrivando a toccare quote di 55 euro per la curva e 180 per la tribuna est centrale 1° anello. Mentre la sezione merchandising del club bianconero si sfrega le mani, quasi 60.000 le magliette ufficiali numero 7 vendute in tutto il mondo a un prezzo che va dai 105 ai 146 euro ciascuna, i quattro Juventus Club della provincia di Rimini toccano infatti a loro volta con mano l’effetto CR7 registrando praticamente all’unisono una bella fibrillazione nella corsa al tesseramento per la stagione 2017-2018. Tutti, da quello storico di San Giovanni in Marignano, costituito addirittura nel 1985, al neonato Juventus Club Rimini che ha mosso i primi passi nel 2017.

Partendo dalla Valconca, i 300 iscritti di media dello JuventusClubDoc sono già a portata di mano ben prima del ‘solito’, tanto che i responsabili rivelano: «Si stanno ritesserando tutti con largo anticipo e anche in numero maggiore». Ancor più preciso è Tommaso Zavattini, che dalla sua attività di piazza Cavour spiega: «L’apertura ufficiale l’abbiamo fatta lo scorso anno, anche se era dal 2016 che organizzavamo trasferte. Nella prima stagione abbiamo avuto 200 tesserati e grazie anche a Ronaldo puntiamo a raggiungere i 300 già nel 2018: nonostante l’effetto CR7 si sia sentito anche sui rincari praticati dalla Juve, chi aveva l’abbonamento lo scorso anno lo ha già rinnovato e sul numero di iscritti siamo quasi a 200. Previsioni? Direi che sarà un anno ottimo sia per il club che per noi, che puntiamo appunto a superare i 300 visto che la gente inizia pian piano a conoscerci: noi lo facciamo puramente per divertimento e abbiamo un gruppo che segue tutte le partite, anche se in trasferta diventerà sempre più difficile visto che le società, vedi Chievo, ne stanno approfittando per alzare la posta».

Ha invece già superato il 2017 lo Juventus Club Massimo Bonini di San Marino presieduto da Mirco Battazza. «Abbiamo tre anni di vita e mentre in tutto lo scorso anno abbiamo avuto 240 tesserati, in un mese e mezzo siamo già arrivati a 270: tutti hanno confermato gli abbonamenti nonostante il rincaro del 30% e abbiamo fatto anche richieste in più non andate purtroppo a buon fine. Questo è stato sicuramente l’effetto Ronaldo, che si è anche trasformato in tanti acquisti di magliette per bambini degli iscritti. Sulla nostra chat interna sono già tutti scatenati per prenotarsi alle partite, ma siamo in attesa di indicazioni dalla Juve sulle modalità: i primi due anni abbiamo fatto tutte le partite in casa e fuori e siamo in attesa di capire le disponibilità di questa stagione».

A chiudere il cerchio è infine Cesare Terenzi, vice presidente dello Juventus Club Doc Riccione 2011-Riviera Juventina. Il più numeroso del territorio: «Benché d’estate la nostra realtà sia più frenata di altre per il fatto che qui in questi mesi si pensa per fortuna a lavorare e il grosso delle richieste parte a fine agosto con l’inizio delle partite, direi che siamo più avanti degli altri anni. Noi oscilliamo fra gli 800 e i 1000 tesserati, ogni anno si riparte da zero e a oggi abbiamo superato i 500 iscritti: le richieste vere e proprio scattano però in queste ore in cui sono stati ufficializzati orari e costi dei biglietti e la massa arriva sempre a settembre. Difficile quindi fare pronostici affidabili su cosa ci porterà Cristiano Ronaldo, potrebbe essere tutto più complicato o tutto più facile e dipende dalla capacità di spesa (lo scorso anno per Juve- Real avevamo ad esempio più biglietti che richieste perché costavano tantissimo). Anche perché il nostro è un club formato molto da famiglie e la “mattata” di andare in 3-4 allo stadio non la si può fare tutte le settimane a certe cifre. Nelle prime gare ci sarà la corsa all’oro come sempre, poi si avrà il polso della situazione reale».

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500


TOP NEWS

ARTICOLI CORRELATI

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c