Ex sfregiata con l'acido, lui in carcere a Forlì

05/05/2017 - 08:48

di ANDREA ROSSINI

Tavares torna a farsi del male: sorvegliato a vista

Gli avvocati difensori: «Rischio certificato». Da Gessica nessun commento

Tavares torna a farsi del male: sorvegliato a vista

Eddy Tavares, è rinchiuso nel carcere di Forlì

RIMINI. I responsabili del carcere di Forlì hanno “messo in sicurezza” il detenuto Edson Eddy Tavares attraverso la predisposizione di un “totale controllo” con sorveglianza a vista per ventiquattro ore su ventiquattro, per un periodo di tempo non quantificato in attesa dell'adozione di un adeguamento delle misure sanitarie e di trattamento già in corso nei suoi confronti.

Il nuovo tentativo

Dopo il fallito impiccamento in cella con un calzino, Tavares, il capoverdiano detenuto con l’accusa di aver sfregiato con l’acido la riminese Gessica Notaro, avrebbe ancora tentato di farsi del male, forse addirittura con l’intenzione di uccidersi. Gesti di autolesionismo che, stando alle testimonianze raccolte nel corso dell’inchiesta, appartengono alla personalità dell’uomo e che il regime di detenzione potrebbe alimentare. A questo punto, con gli agenti della polizia penitenziaria che lo guardano a vista giorno e notte il pericolo è scongiurato.

I riflessi sul processo

L’avvocato Riccardo Luzi, che con il collega Andrea Tura difende l’accusato, non entra nel merito degli episodi recenti accaduti all’interno del carcere, ma ringrazia i responsabili «per la sensibilità e l’attenzione e la professionalità dimostrate nell’intervenire di fronte a quello che è stato indicato come un indice suicidiario elevatissimo». I legali intendono sottrarsi alle attenzioni dei media «anche per rispetto delle persone legate affettivamente a Tavares e che soffrono di riflesso». È evidente, però, che le condizioni del capoverdiano potrebbero avere anche un riflesso processuale (il consulente psichiatrico Alessandro Meluzzi incontrerà il detenuto e la richiesta di una perizia potrebbe essere rinnovata). Dall’altra parte anche Gessica, informata delle indiscrezioni trapelate dal carcere, sceglie il silenzio e altrettanto fanno i suoi avvocati, Alberto e Fiorenzo Alessi.

Gessica in aula

La ragazza sarà chiamata a parlare come testimone nella prossima udienza del processo per stalking ai danni dell’ex fidanzato, fissata per mercoledì 17 maggio. Il pm Marino Cerioni l’ha inserita nella ristretta lista delle persone da sentire davanti al giudice Manuel Bianchi. Un racconto che si preannuncia sofferto, sempre a patto che riesca a sostenere fisicamente la prova: alla scorsa udienza fu colta da un malore e dovette abbandonare l’aula.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c