La gara tra le scuole

03/05/2017 - 00:23

Campanella: trionfa il liceo scientifico Einstein

Sconfitti nettamente i rivali del Cesare-Valgimigli

Campanella: trionfa il liceo scientifico Einstein

Il pubblico de La Campanella

RIMINI. Il liceo scientifico Einstein di Rimini domina la finalissima e si laurea per l'ennesima volta campione de La Campanella. Vincendo in quasi tutte le prove, i ragazzi dell'Einstein hanno infatti battuto con il punteggio di 33 a 21 i rivali del liceo classico-linguistico Cesare-Valgimigli, compresa quella di giornalismo giudicata dalla redazione riminese del Corriere Romagna. Bellissima, davvero stupenda la cornice di pubblico. Oltre centocinquanta ragazzi a fare il tifo nelle tribune dello studio televisivo della chiesa di San Nicolò a Rimini, e forse il doppio rimasti fuori a reclamare la possibilità di entrare. I posti però sono finiti e allora l'emittente della Curia, Icaro Tivù, vede e provvede: don Alessandro riesce ad accontentarne almeno un gruppetto organizzando un maxischermo di fortuna. Gli altri restano dietro alla vetrata d'ingresso, implorando per tutta la durata della  trasmissione, che nel frattempo va in diretta sul canale 91, di potere entrare. Parte la gara e il tifo si fa subito assordante. I conduttori Roberto Bonfantini e Otello Melucci sono costretti a urlare per sovrastare i cori degli studenti. La gara per il Cesare Valgimigli si fa subito in salita. Durissima. L'Einstein non sbaglia un colpo: concede la vittoria ai rivali soltanto nel Musichiere e in Cucina. In tutte le altre è dominio assoluto: Tris, Librotto, Arte e spettacolo, Paroliamo, Basket, Giornalismo e Cabina. Per stabilire a chi spetta la coppa non servono neppure le domande finali. Vince il liceo scientifico Einstein 33 a 21. Lo studio di San Nicolò "esplode". Il coro "noi sia-mo l'Ein-stein" rimbomba a ripetizione. Potrebbe non finire mai. 

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c