LAVORO

Teddy, quarta impresa italiana per utilizzo voucher

Cgil sul piede di guerra. La replica del gruppo:un fenomeno marginale

28/02/2017 - 10:27

Teddy, quarta impresa italiana per utilizzo voucher

RIMINI. È sempre stata molto dura sull’utilizzo dei voucher, un vero e proprio abuso: per la Cgil. Ora che si scopre che uno dei maggiori utilizzatori in Italia è la Teddy, il giudizio è ancora più netto. La Cgil nazionale ha chiesto all’Inps la lista di chi utilizza voucher ed ecco la «brutta sorpresa». Al quarto posto in Italia si trova il Gruppo Teddy, azienda con sede legale in via Coriano che produce e vende capi di abbigliamento. «Terranova e Calliope i marchi più conosciuti – scrivono Cgil, Filcams e Filctem – che si definisce una realtà di riferimento per l’abbigliamento in Europa e nel mondo, con oltre 550 negozi e una rete di punti vendita all’ingrosso».

La voluminosa pianta organica – fanno notare i sindacati – conta in effetti 1.484 addetti. Ma? «Nel 2016 ha speso ben 1,9 milioni di euro in voucher, distribuiti fra 922 prestatori d’opera. Già il fatto che un’azienda del nostro territorio figuri al quarto posto stupisce, negativamente, ma stiamo parlando della Teddy, un’azienda fondata nel 1961 che ha sempre fatto parlare di sè per la sua partecipazioni a iniziative solidali e umanitarie».

Non è certo la prima volta che il sindacato punta il dito contro l’abuso dei voucher. «È come un’idrovora che sta risucchiando tutte le forme di lavoro: da quello instabile a quello stabile. Prima il lavoro stagionale, quello a chiamata, l’associazione in partecipazione, ma è convinzione della Cgil che oltre a quello a tempo determinato e flessibile, anche tanto lavoro stabile si stia precarizzando. Un sistema a macchia d’olio che cancella i contratti e tutte le tutele, come le ferie, la maternità, il Tfr, assegni familiari, malattia, contribuzione valida a fini pensionistici».

Spulciando nel sito della Teddy, la Cgil scova il sogno del suo fondatore: costruire un’azienda, guadagnare molto e creare occupazione. «Quali sogni potranno realizzare i giovani pagati con i voucher? Che anima può avere un’azienda che per remunerare il lavoro dei suoi addetti va a comprare dei ticket dal tabaccaio?».

Il finale è dedicato all’Inps di Rimini. La richiesta? «Fornire i dati di chi utilizza i voucher».

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c