LA PROCURA INDAGA PER TRUFFA

Clinica dentale, fioccano le denunce

Il Pm Davide Ercolani apre un fascicolo sulle vicissitudini del centro

di ANDREA ROSSINI

20/02/2014 - 19:59

 Clinica dentale, fioccano le denunce

RIMINI. La procura di Rimini ha aperto un fascicolo sulla vicenda della clinica dentale di via della Repubblica. L’ipotesi è truffa, ma non sono stati ancora identificati i possibili responsabili. Dell’accusa provvisoria, formulata dal pm Davide Ercolani, rischia di essere ben presto chiamata a risponderne la rappresentante legale della società di gestione, l’amministratrice bersagliata nelle scorse settimane dai pazienti infuriati nella convinzione che, dopo essersi intascata i loro soldi, fosse addirittura scappata con la cassa. Evidentemente non era così, come d’altronde aveva assicurato l’avvocato Massimiliano Orrù, che segue professionalmente le sue vicissitudini: è infatti riapparsa in tribunale per l’udienza prefallimentare e ha evitato il crac sulla base di un possibile accordo con i soci di minoranza per il subentro. Una volta ottenuti i bilanci i rispettivi legali e consulenti hanno già fissato un incontro per discutere i dettagli dell’operazione. Come annunciato, però, nel frattempo alcuni pazienti, per tutelarsi, hanno scelto di formalizzare le proprie rimostranze sotto forma di querela. Le prime quattro denunce sono arrivate sulla scrivania del sostituto procuratore Ercolani, deciso a fare chiarezza. C’è chi, dopo aver pagato l’intera prestazione sanitaria tramite finanziamento, è ancora in attesa del primo appuntamento.

I casi emersi sono i più disparati: accanto a chi ha avuto delle cure, ma non è rimasto soddisfatto, c’è chi si è ritrovato in bocca lavori provvisori o a metà. La Federconsumatori di Rimini segnala il caso di una donna incinta che presenta dei problemi legati all’intervento di implantologia e quello di alcuni bambini che portano ancora apparecchi che nessuno controlla più da tempo. Per ricevere assistenza, secondo quanto si legge in una nota, ci si può rivolgere telefonicamente allo sportello della Federconsumatori di Rimini (0541-779989) dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 11, o via email all’indirizzo di posta elettronica federconsumatoririmini@gmail.com.

Analoghe iniziative sono state avviate dagli avvocati Emanuele Magnani e Alessandro Totti per conto della Lega consumatori Acli di Rimini. Anche tra i pazienti che hanno chiesto loro tutela c’è chi ha subito notevoli danni, dal distaccamento dei denti alla mancata restituzione della dentiera ancora depositata nella sede della clinica.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c