FAENZA

14/02/2019 - 10:38

Faenza, picchia la moglie: con un ceffone le perfora un timpano

Il marito diventava particolarmente violento soprattutto quando rincasava dopo aver alzato il gomito

Faenza, picchia la moglie: con un ceffone le perfora un timpano

FAENZA. I carabinieri della stazione principale di Faenza hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 44enne originario del Marocco. Vittima dell’uomo la moglie, sua connazionale di quattro anni più giovane. La donna stanca delle violenze fisiche e psicologiche alla quale era sottoposta, durante l’ennesima lite, avvenuta a gennaio di quest’anno, anche su consiglio di un faentino che l’aveva fatta rifugiare in un portone per toglierla dalle grinfie del marito violento, ha trovato la forza di raccontare tutto ai carabinieri.

Ai militari la donna ha raccontato che il marito diventava particolarmente violento soprattutto quando rincasava dopo aver alzato il gomito.

In ospedale

Numerosi gli episodi di violenza raccontati. A novembre del 2017, nel corso di una lite, l’uomo aveva mollato un ceffone così violento che la donna, quando il giorno dopo si era rivolta all’ospedale di Imola per farsi controllare un orecchio dolorante, i medici le avevano riscontrato una perforazione del timpano. La 40enne in quell’occasione aveva raccontato di aver perso l’equilibrio cadendo dalle scale. Episodi successivi si erano poi ripetuti sempre più frequentemente negli ultimi due anni.

Salvata da un passante

Una volta era stata picchiata dal marito nei pressi della scuole delle figlie, entrambi minorenni, senza però che nessuno fosse intervenuto per fermare la furia dell’uomo. Più recentemente per strada era stata aggredita verbalmente dal marito.

In quell’occasione, provvidenziale l’intervento di un passante, un legale, che aveva fatto rifugiare la 40enne all’interno di un condominio. Era stato proprio il professionista che aveva dato una mano all’uomo che, ascoltato per primo il racconto della donna, a convincerla a rivolgersi ai carabinieri. Davanti a loro la 40enne ha fatto un resoconto delle violenze e delle angherie.

In carcere

Partita l’attività di indagine e ottenuti diversi riscontri, i militari dell’Arma hanno trasmesso gli atti in procura che nei giorni scorsi ha emesso un provvedimento di custodia cautelare in carcere per il 44enne per i reati di violenza. I carabinieri della stazione principale hanno quindi rintracciato l’uomo associandolo al carcere di Port’Aurea di Ravenna in attesa della decisione del gip.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500


TOP NEWS

ARTICOLI CORRELATI

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c