RAVENNA

11/02/2019 - 09:18

Progetto stradelli: a Ravenna iter in dirittura

A breve si potrà procedere con il bando: la realizzazione per stralci fra quest’anno e il 2021

Progetto stradelli: a Ravenna iter in dirittura

RAVENNA. Si avvia alle ultime fasi dell’iter burocratico il piano di riqualificazione degli stradelli. Il progetto preliminare vincitore del concorso di progettazione è stato consegnato agli uffici comunali il 3 agosto scorso, e il 23 ottobre si è riunita per discutere nel merito la Conferenza dei servizi; il 5 dicembre è giunto il parere favorevole del Consiglio del Mare, e dopo aver acquisito i pareri di regolarità tecnica e contabile, il 13 dicembre scorso è giunto l’avallo con la delibera di giunta, ora in pubblicazione sull’albo pretorio, che dà il via alla fase operativa. La data dell’esecutività della delibera è il 16 febbraio, dopodiché potranno prendere avvio le procedure per l’espletamento della gara e successiva aggiudicazione.

I tre stralci

Nel Dup 2019-2021, il progetto è stato suddiviso in tre stralci: il primo, il cui avvio è previsto per il 2019, è il più corposo e riguarderà Marina di Ravenna e Punta Marina, con lavori per un importo di 5 milioni 845mila euro; nel 2020 toccherà a Casalborsetti, Lido Adriano, Lido di Dante, Lido di Classe e Lido di Savio, con cantieri che comporteranno una spesa di 3 milioni 694mila euro; si conclude nel 2021 con Marina Romea e Porto Corsini, dove i lavori previsti comporteranno un esborso di 4 milioni e 11mila euro.

Le risorse

I lavori saranno finanziati con 10 milioni provenienti dall’Imu delle piattaforme, ma saranno anche ricercate risorse regionali tramite bandi; il progetto è già stato candidato per ottenere sostegno grazie al progetto di legge regionale per rilanciare il turismo balneare: si tratta di 20 milioni in tre anni, da distribuire fra 14 Comuni della costa per promuovere la qualità architettonica e ambientale delle città, liberarle dal degrado, migliorare i servizi e le attrezzature per il turismo.

Grande parco territoriale

Il progetto risultato vincitore del concorsi di progettazione – definito “un grande parco territoriale” – è stato elaborato dal raggruppamento temporaneo che vede capogruppo Agence Ter con sede a Parigi e mandanti Paisà Architettura del Paesaggio Stignani associati srl, Studio Tassinari e associati _ entrambi di Ravenna – e Studio M. S.T.A. Studio tecnico associato con sede a Rimini.

La filosofia declinata nel progetto prevede la ricucitura del rapporto tra spiaggia, duna e pineta, e si propone come capace di rivelare e promuovere il territorio. Prevede percorsi attrezzati di ingresso alla spiaggia, punti di osservazione sulle piallasse, torri di osservazione in mezzo alla pineta; e non mancheranno percorsi ciclabili e pedonali verso l’entroterra e le zone umide.

Nel progetto preliminare figurano la realizzazione di passerelle in legno e materiali inerti, per il rinnovo delle pinete di Marina e Punta, ma anche per un affaccio sul porto con zona ristoro, con tanto di chaises longues sul lato Porto Corsini e sul lato Marina. La riqualificazione ridisegnerà piazza Saffi a Punta Marina e piazza del Mare a Lido Adriano; delineerà un nuovo paesaggio per la foce dei Fiumi Uniti a Lido di Dante, ma anche un nuovo bosco litoraneo a Lido di Classe. e.d.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500


TOP NEWS

ARTICOLI CORRELATI

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c