IL CASO

03/12/2018 - 16:34

I dipendenti della Cmc in Kuwait si sentono "ostaggi"

Nuova richiesta di aiuto da parte dei lavoratori della coop di Ravenna; tra loro un cesenate

I dipendenti della Cmc in Kuwait si sentono "ostaggi"

Trattenuti in carcere, rilasciati, nuovamente minacciati. Continua l'odissea dei dipendenti della Cmc di Ravenna in Kuwait. I due lavoratori, Ricardo Pinela, di origini portoghesi, e Andrea Urciuoli, di Cesena, si sentono "come in ostaggio" e chiedono l'intervento dei ministri degli esteri di Italia e Portogallo. Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco di Cesena, Paolo Lucchi, che in una lettera ha chiesto al Governo un "tempestivo intervento" per risolvere la situazione.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500


TOP NEWS

ARTICOLI CORRELATI

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c