RAVENNA

20/11/2018 - 07:09

di FEDERICO SPADONI

Ravenna, falsificate le volontà delle zie per ottenere l’eredità, nei guai un 73enne

È accusato di avere contraffatto la calligrafia nell’ultimo testamento per soffiare alla cugina una corposa parte del lascito

Ravenna, falsificate le volontà delle zie per ottenere l’eredità, nei guai un 73enne

RAVENNA. Tra testamenti, postille e codicilli, l’eredità ha cambiato destinatario per ben cinque volte, fino ad andare totalmente a una sola persona: un nipote di due anziane sorelle vissute tutta la vita sotto lo stesso tetto e decedute senza figli. Ma a influenzare quei documenti olografi a beneficio di un 73enne ravennate, la Procura ha sospettato l’intromissione di una mano diversa da quella delle due zie scomparse. E così l’uomo è finito a processo con l’accusa di falso in atti pubblici e di aver contraffatto o incaricato altre persone a redarre versioni alternative alle ultime volontà scritte, per sottrarre tutto il patrimonio agli altri parenti, potenziali beneficiari.

Le ultime volontà

Una vicenda intricata quella giunta ieri a discussione davanti al giudice monocratico Tommaso Paone. Al punto che dopo l’arringa conclusiva il giudice ha concesso tempo per le repliche, ritirandosi con un faldone ricco di perizie grafologiche depositate durante il dibattimento. La lente degli esperti nominati dal tribunale e dei consulenti tecnici di parte si è posata sul primo testamento, scritto dalla più anziana delle due sorelle, nata nel 1915. Il lascito redatto nel 1995 devolveva metà della casa, in cui l’anziana viveva con la sorella, a una nipote, costituitasi ora parte civile con l’avvocato Giuseppe Lenzini.

Anche la sorella minore, più giovane di dieci anni, aveva messo nero su bianco le ultime volontà: aveva scelto prima la stessa nipote, poi, una decina di giorni dopo, aveva cambiato completamente idea in favore dell’imputato. Se le cose fossero rimaste invariate, ognuno dei cugini avrebbe avuto la sua parte di eredità.

Testamento inaspettato

Nel 1999 però, accade l’inaspettato. La zia più anziana, ancora in vita, aggiorna il documento nominando la nipote come erede universale. Ma cinque giorni dopo, spunta un nuovo testamento, nel quale l’anziana sceglie invece come sola beneficiaria la sorella minore, che aveva a suo tempo indicato come erede universale il nipote 73enne. L’uomo, alla morte della seconda zia, si è ritrovato unico destinatario dell’eredità, composta dall’intera casa e da tutti i possedimenti delle due parenti defunte.

Il comprensibile disappunto della cugina non ha fatto che acuire una tensione che aveva già portato all’apertura di un contenzioso in sede civile (dove il giudice in primo grado ha ritenuto valido il primo testamento, seppur constatando che la mano della zia più anziana era stata “guidata”). E l’esposto, partito alla comparsa dell’ultimo testamento, ha innescato l’indagine culminata con il rinvio a giudizio del cugino.

Il falso in busta anonima

Durante il processo gli esami delle grafie avevano evidenziato che l’ultimo testamento - quello a vantaggio dell’imputato - era falso. Il manoscritto era stato consegnato in busta chiusa a un notaio da un mittente anonimo. Elemento non sufficiente secondo i legali dell’imputato - difeso dagli avvocati Antonio e Biagio Madonna - per inguaiare il 73enne e tacciarlo come autore del falso. Di pare contrario invece il vice procuratore onorario Marianna Piccoli, chi ha chiesto la condanna a un anno e quattro mesi.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500


TOP NEWS

ARTICOLI CORRELATI

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c