RAVENNA

09/11/2018 - 08:00

Nuova ondata di furti in città, ladri scatenati in più quartieri

Un 46enne ravennate fermato in via Gulli con oggetti compromettenti all’interno di un marsupio

Nuova ondata di furti in città, ladri scatenati in più quartieri

RAVENNA. È stato scoperto con degli arnesi da scasso nascosti dentro il marsupio e per questo è stato immediatamente denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica. A finire nei guai per il reato di porto ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli è stato un 46enne ravennate, fermato mercoledì pomeriggio dalla polizia in via Tommaso Gulli. Gli agenti, coadiuvati del reparto prevenzione crimine di Bologna e dalla polizia municipale di Ravenna, si trovavano per le strade della città nell’ambito delle attività di vigilanza e controllo del centro programmate dal questore Rosario Eugenio Russo. Servizio straordinario che si è concluso con l’identificazione di 40 persone, di cui 12 di origine straniera, e al controllo di 72 veicoli. Nel corso dell’attività di prevenzione, i poliziotti sono transitati anche lungo via Tommaso Gulli. Durante il passaggio gli agenti hanno però notato che alla fermata dell’autobus della linea 121, c’era un uomo che alla vista della polizia si è girato di spalle effettuando movimenti sospetti all’altezza della cintura. Sottoposto ad identificazione il 46enne, mentre consegnava agli agenti la propria carta d’identità, ha cercato di liberarsi del proprio marsupio tentando di nasconderlo dietro la schiena. A quel punto i poliziotti hanno capito che l’uomo poteva nascondere qualcosa di strano e lo hanno accompagnato in Questura per accertamenti. Un’intuizione rivelatasi giusta, perché a seguito della perquisizione personale dentro il marsupio sono state trovate un paio di tenaglie, per le quali l’uomo non è stato in grado di giustificare il possesso. Il ravennate, già noto alle forze dell’ordine per i suoi trascorsi giudiziari, è stato quindi denunciato.

Allarme furti

Attrezzi come questo sono spesso utilizzati per mettere a segno dei furti. Reati che a Ravenna sembrano non volersi arrestare. Anche mercoledì sera sono stati infatti molteplici i casi di furti, specialmente dentro le case, segnalati alle forze dell’ordine dai gruppi whatsapp. Solo mercoledì i topi d’appartamento hanno colpito in via Zalamella, in via Savini nel quartiere San Biagio, in via Marzabotto e in via Miserocchi.

Mentre nel tardo pomeriggio di ieri altre segnalazioni sono arrivate dal forese e in particolare da San Pietro in Vincoli, dove i ladri sarebbero entrati in una casa, mettendo sottosopra la camara da letto.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c