RAVENNA

26/07/2018 - 07:44

Ravegnana, via al divieto di svolta. Ma quasi tutti “tagliano” al distributore

Da ieri in vigore l’ordinanza che al ponte degli Assi impone di tornare fino a Ravenna Obbligo aggirato passando per la stazione di servizio

Ravegnana, via al divieto di svolta. Ma quasi tutti “tagliano” al distributore

RAVENNA. È entrato in vigore il divieto di svolta a sinistra per chi da Madonna dell'Albero si dirige, in uscita da via Cella, verso via Ravegnana. La rivoluzione della viabilità era annunciata da tempo. La misura è stata predisposta dall'amministrazione comunale per scongiurare le lunghe code che, ogni giorno nelle ore di punta, si formano sul ponte che attraversa il fiume Ronco sulla via Cella.

Nel primo giorno della sperimentazione tutto sembra essere filato liscio all'incrocio, dove sono state collocate barriere stradali tipo new-jersey in plastica. Non altrettanto si può dire per quel che poi è avvenuto nei metri di strada successivi; molti automobilisti dopo aver svoltato correttamente a destra, hanno infatti scelto di curvare immediatamente nel vicino distributore, sfruttando la stazione di rifornimento quasi fosse uno svincolo per recuperare la direzione verso la Ravegnana e l'Adriatica.

«Il problema c'è e non ci sorprende - commenta Wudi Brocchi, uno dei soci del distributore -. Ancor prima che partisse la sperimentazione immaginavamo che ci saremmo trovati di fronte a questa situazione. La gente non è disposta a percorrere chilometri fino a Ravenna, per poi imboccare la strada che li porta indietro nella giusta direzione. Comprendo quindi chi ha la tentazione di svoltare nel nostro piazzale e poi cambiare corsia di marcia. La manovra però può essere pericolosa e di certo ci auguriamo che non sia una situazione permanente».

Sulla prima giornata di modifiche alla viabilità si esprime anche il presidente del comitato cittadino di Madonna dell'Alberto, Franco Ravaioli: . (ro.art.)

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c