RAVENNA

11/05/2018 - 12:59

di FEDERICO SPADONI

La fontana “mangiata” dal calcare. «Basta acqua, fatene un monumento»

La moglie del mosaicista Bravura in visita all’opera di piazza della Resistenza lancia l’appello al Comune

La fontana “mangiata” dal calcare. «Basta acqua, fatene un monumento»

RAVENNA. L’oro delle tessere che un tempo percorreva le due ali alte sei metri è ora sepolto sotto una spessa patina grigiastra. Delle trame e delle grafiche realizzate a mosaico si distingue appena qualche geometria. Sono queste le condizioni in cui versa la l’Ardea Purpurea, la scultura-fontana creata dal mosaicista ravennate Marco Bravura. Impietosa l’azione del calcare sulla superficie dell’opera, che a 19 anni dall’inaugurazione, sull’altura dell’aiuola in piazza della Resistenza, reclama una manutenzione. A insistere, nelle recenti settimane, è stata la moglie dell’artista, Daniela Bravura, che tornata temporaneamente a Ravenna dalla Russia (dove i coniugi vivono ormai da undici anni) ha cercato di sensibilizzare gli uffici comunali e la Giunta affinché venga ripulita la parte illeggibile.

Foto impossibili da scattare

Talmente intaccata dallo strato calcareo generato dal getto d’acqua (anche se attualmente la fontana è spenta), che nemmeno il fotografo impegnato nella realizzazione del catalogo per l’anniversario dei 20 anni della scultura è riuscito a scattare foto soddisfacenti per una pubblicazione. Volume, tra l’altro, che avrebbe già avuto il placet del critico d’arte Philippe D’Averio. Per questo, nel corso della visita ravennate la moglie dell’artista si è data da fare: «A luglio – spiega Bravura – avremo un incontro per programmare l’evento che ci auspichiamo si possa organizzare in collaborazione con il Comune e con il Ravenna Festival a giugno 2019».

20 anni fa l’inaugurazione

E proprio il legame con la kermèsse presieduta da Cristina Mazzavillani Muti sta nella genesi stessa dell’opera: «Era il 1999 – racconta Bravura –; dopo i bombardamenti a Sarajevo, Riccardo Muti è andato a Beirut, città martoriata da anni di guerra. Contattarono Marco, che all’epoca aveva già realizzato opere pubbliche e commissionarono due monumenti gemelli che seguissero “Le vie dell’Amicizia”. Nacque così l’idea di realizzare due ali che rimandassero all’araba fenice, alla rinascita dalle macerie. L’Ardea Purpurea salpò da Ravenna a bordo del traghetto portacontainer “Bisanzio” nel suo 176esimo viaggio fra il porto bizantino e Beirut. Da allora il premio consegnato a ogni edizione del Ravenna Festival riproduce in miniatura quella forma.

«Basta acqua, che sia un monumento»

La prima scelta sulla collocazione a Ravenna puntava a piazza Caduti. Ma per problemi legati alla presenza di reperti archeologici sepolti, si decise di ripiegare su piazza della Resistenza. Un punto, che ora, con l’arrivo degli autobus turistici, è diventato il primo sguardo sulla città. «Ci sono guide turistiche che lo mostrano come un monumento cittadino – prosegue Daniela Bravura – e che ci hanno confessato di provare un certo imbarazzo nel mostrarlo ai turisti in queste condizioni. Anche io, se devo portare qualcuno a vederla, lo faccio di notte. È frustrante vederla ridotta così».

La soluzione, tra proposta e provocazione, ci sarebbe eccome per la consorte dell’artista: «Basta acqua, trasformiamola in un monumento e non più in una fontana, se la manutenzione anti-calcare è così difficoltosa». Nel frattempo le due ali attendono una ripulita dall’ormai datata incrostazione. Fino a giugno 2019 c’è tempo per scoprire se sotto la patina grigia l’oro è ancora quello di una volta.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c