RAVENNA

07/03/2018 - 13:56

Il paradosso 5 stelle: Primi a Ravenna ma senza una "casa"

Dopo lo strappo del passato, il Movimento non ha un gruppo riconosciuto dai vertici, né portavoce o consiglieri comunali

Il paradosso 5 stelle: Primi a Ravenna ma senza una "casa"

RAVENNA. Il Movimento 5 stelle è il primo partito in città ma la vera anomalia è che non ha un gruppo riconosciuto dai vertici del Movimento, né portavoce o consiglieri comunali a trainare il successo di dimensioni nazionali. Ha presentato un candidato alla Camera che è svaporato, sospeso prima del voto per una presunta affiliazione passata alla massoneria, e un candidato al Senato forlivese, in città sconosciuto ai più. Eppure venerdì al bar Fresco dalle 19 sarà festa grande per simpatizzanti ed elettori, ieri sera stesso copione a Faenza. Il 28,79% di Ravenna (nel 2013 si fermò al 24,34) lascia dietro il Pd in un sorpasso senza parlamentare eletto ma con tanti cittadini vincitori.

Le reazioni

I numeri scaldano i cuori ma è difficile trovare voci ufficiali, titolate a rappresentare il clima di euforia post voto. Il Meetup A riveder le stelle a cui fa capo Francesca Santarella invia un generale plauso: «Come gruppo di cittadini – si legge in una nota – noi come altri gruppi presenti in città, abbiamo cercato di collaborare per quanto possibile al buon esito della campagna elettorale. La risposta dei cittadini è stata entusiasmante. Desideriamo ringraziare tutti e soprattutto gli elettori». Da Faenza, il consigliere Andrea Palli, grillino della prima ora, titolato a parlare a nome del Movimento, non vuole commentare l’uscita di scena di Zanforlini, il candidato sospeso, che comunque ha raccolto il 27,89%, e lancia una sorta di appello.

Metteteci la faccia

«In tutta la Romagna abbiamo ottenuto un ottimo risultato oltre ogni aspettativa, a Faenza siamo al 25% ma a Ravenna e a Cervia siamo primi. Le persone ci hanno dato fiducia e ora occorre ricostruire il Movimento anche a Ravenna. Ma ciò può accadere solo se un gruppo di cittadini decide di metterci la faccia e l’impegno. Se si aprirà una fase di partecipazione, questa potrà portare all’utilizzo del simbolo e alla presentazione alle elezioni amministrative come atto finale. L’ingresso nelle istituzioni è essenziale per avere un minimo di credibilità. Il risultato di Ravenna ci dà fiducia e chissà, forse spingerà persone nuove ad avvicinarci per cercare di mettere in moto una rivoluzione culturale, perché la politica incide sulla vita di tutti ed è corretto battersi per le proprie idee».

Lugo pensa alle Amministrative

Da Lugo il consigliere Domenico Coppola ringrazia gli elettori e ricorda che il Movimento 5 stelle è la prima forza politica tra gli elettori under 30. «Ci chiediamo dunque che cosa succederà tra un anno, ora che lo scenario politico è dominato dal M5S. Per questo il nostro obiettivo nei prossimi mesi sarà quello di coinvolgere tutti i cittadini che con la loro passione e il loro talento potranno contribuire a risollevare le sorti della nostra città».

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c