LUGO

31/01/2018 - 11:05

Palpeggiatore seriale assolto perché incapace di intendere e volere

In un'occasione si infilò in un camerino di un negozio dove una signora era intenta a provarsi degli abiti

Palpeggiatore seriale assolto perché incapace di intendere e volere

LUGO. Nel giro di pochi giorni nell’autunno del 2016 divenne l’incubo di commesse e bariste della Bassa Romagna e del Faentino. In ogni negozio in cui entrava e in ogni bar, in preda a pulsioni che non riusciva a dominare, si lasciava andare allungando le mani verso le zone intime delle malcapitate di turno. Era capitato in più occasioni; alla minima distrazione ne approfittava toccando a volte il seno, a volte le natiche.

Al centro commerciale

In un caso, in un centro commerciale di Faenza, entrò in un camerino mentre una signora – costituitasi parte civile tramite l’avvocato Sara Parizzi del foro di La Spezia – era intenta a provarsi degli abiti, allungando le mani sul petto prima di scappare.

Toccate e fuga in serie che il codice penale qualifica come violenza sessuale. E di questo era chiamato a rispondere ieri in tribunale a Ravenna davanti al giudice Janos Barlotti e al sostituto procuratore Stefano Stargiotti in un’udienza in cui sono confluiti più procedimenti a carico dell’uomo, che qualche tempo dopo venne arrestato in flagranza dagli agenti della polizia di Faenza.

Libertà vigilata

Ritenuto incapace di intendere e volere, il 48enne assistito dall’avvocato Celestino Salami è stato assolto in quanto ritenuto incapace di intendere e volere. Un’incapacità totale certificata da due consulenze.

Visite e terapie

Il giudice ha però disposto quale misura di sicurezza la libertà vigilata dell’imputato per un anno con l’obbligo di sottoporsi a visite psichiatriche e terapie farmacologiche già intraprese e che hanno dimostrato funzionare; da quando ha intrapreso il percorso di cura, infatti, l’uomo ha dato prova di riuscire a tenere sotto controllo le proprie pulsioni. Rigettata di conseguenza la richiesta di risarcimento danni che era stata avanzata dalla parte offesa. Entro 90 giorni saranno rese note le motivazioni.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c