IMOLA

09/11/2018 - 07:15

di MATTEO PIRAZZOLI

Bar dell’ospedale di Imola chiuso per due mesi: i pazienti si lamentano

I lavori, iniziati il 28 ottobre, dureranno alcune settimane, imolesi costretti ad arrangiarsi con le “macchinette”

Bar dell’ospedale di Imola chiuso per due mesi: i pazienti si lamentano

Foto mmph

IMOLA. Si dovrà pazientare ancora qualche settimana per poter bere un caffè, gustare un panino o leggere il giornale al bar dell'ospedale. È dal 28 ottobre scorso, infatti, che l'area all’ingresso in cui si trova lo spazio ristoro è interessata dai lavori. Se non ci dovessero essere intoppi, come fanno sapere dall'Ausl, tra due mesi circa il servizio potrà riprendere, arricchito anche dalla presenza di giornali e riviste, in attesa che qualcuno si faccia avanti per riaprire l'edicola chiusa da fine maggio.

Al massimo 60 giorni di lavoro

La chiusura del bar è temporanea e necessaria per l’effettuazione di lavori di ristrutturazione dei locali e degli impianti, volti al miglioramento del servizio e della sicurezza. Il tempo calcolato per portarli a termine è di massimo due mesi. Una volta esaurita questa fase, il nuovo aggiudicatario del servizio potrà iniziare la sua attività tornando così a dare all'ospedale e ai suoi frequentatori un'area ristoro e relax. Nel frattempo, degenti, parenti e personale dell'ospedale si stanno arrangiando con le macchinette disseminate per tutto il Santa Maria della Scaletta.

Spazio a giornali e riviste

La riapertura del bar, inoltre, porterà anche una piacevole novità. Dall'Ausl informano che l'aggiudicatario ha garantito la propria disponibilità ad allestire una piccola area dedicata a giornali e riviste, in attesa che venga effettuata una nuova gara per l’affidamento dell’edicola che si trova proprio di fronte al bar. È dal 31 maggio scorso che l'edicola è chiusa. Fino a quel giorno dietro al bancone c'era Giuliana, nota edicolante del centro storico che rilevò l'attività nel 2015. Inizialmente la durata della gestione era fissata fino al 31 agosto 2021, ma l'edicolante aveva disdetto anticipatamente. L’Azienda sanitaria in aprile aveva anche aperto un bando per trovare un nuovo gestore, ma è andato deserto. L'Ausl però ha intenzione di riprovarci pubblicandone uno nuovo, più avanti. Al momento comunque sul discorso edicola in ospedale qualcosa si è mosso. In questi mesi, infatti, all'Ausl sono arrivate alcune richieste informali da parte di soggetti potenzialmente interessati a gestire l’attività.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c