IMOLA

Al Baccanale a Imola, il latte tra storia e cultura raccontato da Massimo Montanari

Il docente, storico collaboratore della manifestazione, protagonista in diversi appuntamenti

di LUCA BALDUZZI

05/11/2018 - 10:04

Al Baccanale a Imola, il latte tra storia e cultura raccontato da Massimo Montanari

IMOLA. Fra i protagonisti del Baccanale ci sarà, come da tradizione, Massimo Montanari, docente di storia medievale e di storia dell’alimentazione dell’università del capoluogo, ma soprattutto collaboratore storico della manifestazione.

«Il latte è l’unica bevanda, oltre all’acqua, non costruita dall’uomo ma disponibile in natura», osserva Montanari, nel suo messaggio sul magazine del Baccanale. «Per questo, il latte è sempre stato percepito come “naturale” e in quanto tale contrapposto alle invenzioni “culturali”».

E oggi «perfino bere latte è un gesto profondamente culturale, frutto dell’abitudine e della storia», aggiunge il professore, «non della genetica, che di per sé non prevede il consumo di questo elemento da parte degli adulti».

Molti i legami - anche particolari - con il latte che gli incontri a cui prenderà parte andranno ad approfondire.

Gli appuntamenti

La prima occasione sarà “Al cinema col latte, ma non solo…” alla biblioteca, venerdì 9, alle 18, per l’evento a tema proposto e curato dalla delegazione di Imola dell’Accademia italiana della cucina in cui Montanari dialogherà con il professore emerito dell’Università degli studi di Parma e presidente onorario dell’Accademia italiana della cucina Giovanni Ballarini.

Sarà poi la volta di “Viaggio intorno al latte” al Museo di San Domenico, venerdì 16, alle 18 Un’esplorazione sugli usi e sui valori culturali del latte, un alimento “buono da pensare”, simbolo e sostanza di relazioni tra natura e cultura, tra uomini e società, tra il locale e il globale, a fianco dell’antropologo Riccardo Ciavolella.

Spazio poi a “Latte e formaggio nell’arte medievale e moderna” al Museo di San Domenico, il giorno successivo, alle 18. Una storia visiva affascinante dal XIV secolo alla contemporaneità, dalle scene di mungitura e consumo nelle miniature dei tacuina sanitatis alle nature morte provenienti da particolati aree produttive, assieme al collega dell’Alma Mater Fabrizio Lollini.

Ancora, “Latte e linguaggio” alla biblioteca, domenica 18, alle 18, con il poeta e critico letterario Luigi Ballerini.

Infine, la presentazione del libro “Che mondo sarebbe-Pubblicità del cibo e modelli sociali”, di Cinzia Scaffidi, alla biblioteca, sabato 24, alle 18.

Garganello d’oro

Montanari parteciperà alla consegna del Garganello d’oro per la promozione della cultura del cibo al conduttore televisivo e giornalista Patrizio Roversi, l’appuntamento di chiusura del Baccanale in calendario domenica 25 novembre alle 18 alla Biblioteca comunale.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c