IMOLA

03/10/2018 - 07:49

Studente di Imola trionfa alle Olimpiadi della biologia

Mattia Biavati del liceo scientifico Alberghetti vince l’argento: «Che onore essere a Teheran»

Studente di Imola trionfa alle Olimpiadi della biologia

IMOLA. Medaglia d’argento alle Olimpiadi internazionali della Biologia che si sono tenute a Teheran, in Iran. Successo storico per Mattia Biavati, studente del Liceo scientifico delle scienze applicate “Francesco Alberghetti” di Imola.

Gioia e onore

«L’esperienza in Iran è stata estremamente positiva ed interessante, e potervi partecipare è stata una gioia e un onore», racconta Mattia. «Ho potuto conoscere e stringere amicizie con ragazzi di tutto il mondo con una passione comune per le Scienze della vita».

Le prove (due prove teoriche con quesiti a scelta multipla e quattro prove pratiche di laboratorio, ndr) «sono state decisamente intense ma altrettanto stimolanti» aggiunge. «Spingono gli studenti a ragionare e cercare soluzioni a situazioni reali più o meno complesse, avvalendosi anche delle competenze di laboratorio».

Oltre alle prove in sé e alla soddisfazione per la medaglia «l’incontro con coetanei provenienti letteralmente da ogni angolo del globo mi ha molto arricchito» continua Mattia. «Abbiamo potuto visitare alcuni dei luoghi più significativi ed emblematici della cultura iraniana, come la moschea e il bazaar. Insieme ai miei compagni della squadra italiana abbiamo conosciuto le altre delegazioni e stretto legami di amicizia importanti, in particolare con ragazzi spagnoli e argentini, belgi, islandesi e iracheni. È stato particolarmente interessante confrontarsi con questi ultimi, tutti e quattro curdi. Ci hanno raccontato la storia travagliata del loro popolo».

Non sono mancate le sorprese: «Conoscevano Bella ciao, ci hanno chiesto di cantarla insieme e così l’abbiamo fatto più volte sul bus», prosegue. «Ovviamente non potevano mancare gli scambi di opinioni sulle ricette tradizionali di ogni Paese. Osservare la realtà da un nuovo punto di vista, e condividere il proprio con gli altri, ci ha unito».

Premio del Miur

Un’altra bella notizia per Mattia è che la medaglia d’argento olimpica gli porterà un premio in denaro dal Miur nell’ambito del Programma per la valorizzazione delle eccellenze, che gli verrà consegnato durante Meritatamente, la festa di fine anno in cui gli studenti sono protagonisti.

L’estate appena trascorsa è stata molto intensa, densa di soddisfazioni, ma anche di prove importanti per il futuro di Mattia, che ha deciso di cimentarsi con i test d’ingresso universitari della prestigiosa “Normale di Pisa”. E dopo aver superato sia le prove per il corso di laurea in Scienze biologiche sia quelle per Medicina, ha deciso per quest’ultima facoltà.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500


TOP NEWS

ARTICOLI CORRELATI

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c