RIMINI

17/02/2019 - 08:15

Rimini protegge la vacanza: sole, bagni e vietato fumare

Il Comune segue l’esempio di Bibione: lo proporremo agli operatori. "Succede già in molte parti del mondo"

Rimini protegge la vacanza: sole, bagni e vietato fumare

RIMINI. Sulla battigia si respira aria di mare e non certo il fumo delle sigarette. Dopo Bibione, anche Rimini sta pensando di vietare mozziconi sulla sabbia e in mezzo agli ombrelloni. Un gesto di civiltà, spiega l’assessore alle attività economiche Jamil Sadegholvaad. Prima di piantare i cartelli e introdurre le contravvenzioni, il Comune intende incontrare gli operatori. Se ci sarà ampio consenso, l’idea sarà inserita nell’ordinanza balneare e a quel punto diventerà legge.

“No smoking”

È notizia di questi giorni, questa estate la sabbia di Bibione sarà “no smoking”. La località turistica veneta si era già portata avanti con il progetto “Respira il mare”, ora compie il passo definitivo: sigarette bandite in tutti gli otto chilometri di arenile. Dove e in che modo saranno decisi entro maggio, quando verrà scritta l’ordinanza balneare. In ogni caso si pensa di allestire aree attrezzate (con un ampio utilizzo di vasetti portacenere) all’interno delle quali sarà possibile fumare. Dal 2011 a Bibione è anche vietato accendere sigarette sulla battigia in riva al mare. «Più che introdurre un divieto - ha spiegato Pasqualino Codognotto, sindaco di San Michele al Tagliamento-Bibione - ci interessa dare l’opportunità di respirare l’aria pulita del mare senza dover tollerare sostanze pericolose per la salute. È anche un modo per promuovere insieme ai nostri ospiti una cultura basata sul rispetto, siamo certi che anche i i fumatori sapranno cogliere questa opportunità».

Tocca a Rimini

Ecco. Dopo tutte queste premesse, l’assessore Sadegholvaad ha intenzione di porre la questione fumo al primo incontro con gli operatori, quando si inizierà a parlare di estate e ordinanza balneare. È solo una proposta, ma se ci sarà condivisione non si esclude di partire già quest’anno. «Può sembrare chissà quale novità - spiega l’assessore - ma in giro per il mondo sono molti gli esempi: Dubai, Singapore, Thailandia. Non dimentichiamo che comunque l’80 per cento della popolazione non è fumatrice e lo dico (purtroppo) da fumatore accanito. Non fumare in spiaggia, tra un ombrellone e l’altro, ritengo sia un atto di rispetto. Potremmo pensare di approntare piccole aree dedicate ai fumatori, con sedute e portacenere».

Pensa ci siano i tempi e le condizioni per introdurre il divieto già questa estate? «Come tempi ci saremmo, però è una decisione che va presa al tavolo con gli operatori. Valuteremo se sarà il caso di inserire tutto nell’ordinanza balneare. Comunque può sembrare un progetto innovativo, ma il divieto lo hanno già introdotto in molte parti del mondo».

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500


TOP NEWS

ARTICOLI CORRELATI

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c