RAVENNA

Patuelli rieletto alla guida dell'Abi lancia l'allarme: «L'Italia segua l'Europa o farà la fine dell'Argentina»

Nella sua relazione il presidente delle banche italiane auspica «maggior impegno nelle responsabilità comuni»

10/07/2018 - 16:26

Patuelli rieletto alla guida dell'Abi lancia l'allarme: «L'Italia segua l'Europa o farà la fine dell'Argentina»

Al centro il presidente dell'Abi e del gruppo Cassa di risparmio di Ravenna Antonio Patuelli

RAVENNA. Rieletto per acclamazione alla guida dell'Abi per il prossimo biennio, Antonio Patuelli ha posto l'accento sul rischio per l'economia italiana di fare la fine dell'Argentina, auspicando un allineamento con l'Europa per scongiurare possibili crisi irreversibili. Parole pronunciate a Roma dal rappresentante dei banchieri nonché presidente del gruppo Cassa di risparmio di Ravenna che ha lanciato l'allarme per il sistema economico nazionale. Ad avviso di Patuelli, infatti, «la scelta strategica deve essere di partecipare maggiormente all’Unione Europea impegnando di più l’Italia nelle responsabilità comuni, anche con un portafoglio economico nella prossima Commissione Europea. Altrimenti l’economia italiana potrebbe finire nei gorghi di un nazionalismo mediterraneo molto simile a quelli sudamericani. In questa primavera, in Argentina, il tasso di sconto ha perfino raggiunto il 40%. Con la Lira italiana, negli anni Ottanta, il tasso di sconto fu anche del 19%». Occorre, ha anche aggiunto, «una nuova spinta per un’Unione bancaria con regole identiche, con Testi unici di diritto bancario, finanziario, fallimentare e penale dell’economia e con coerenza fra regole contabili e prudenziali».

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c