Tutte le scuse di chi viene fermato

27/05/2017 - 12:05

Professionista preso con la lucciola: non è come sembra, è una mia cliente...

Ordinanza in vigore da giovedì, prime contravvenzioni dei vigili urbani: dai 300 ai 500 euro per avere trattato la prestazione e avere fatto salire la ragazza in auto

Professionista preso con la lucciola: non è come sembra, è una mia cliente...

RIMINI. Se la questione non fosse drammaticamente seria, ci sarebbe da sorridere di fronte alla varietà di “scuse” inventate da chi viene pizzicato nei paraggi (troppo nei paraggi) delle prostitute. Nei mesi scorsi le forze dell’ordine hanno archiviato un po’ di casi, durante servizi ad hoc: 10mila euro di multa per chi viene colto in flagranza. In queste ore, inoltre, è entrata in vigore l’ordinanza comunale che mette il “bastone fra le ruote” a chi contratta la prestazione sessuale o fa salire la prostituta in auto. Gli agenti della polizia municipale hanno appena firmato due verbali. La scusa del professionista bloccato con la ragazza a bordo: è una mia cliente, stiamo andando in ufficio. Della serie: il cliente non sono io.

Le prime sanzioni

A poche ore dall’entrata in vigore dell’ordinanza sindacale a contrasto della prostituzione, sono due i verbali elevati dalla polizia municipale nei confronti di una prostituta bulgara e del suo cliente. A entrambi è stata contestata la violazione dell’ordinanza che prevede una sanzione amministrativa tra i 300 e i 500 euro, per aver posto in essere comportamenti diretti in maniera non equivoca a offrire prestazioni sessuali a pagamento alla prostituta ventunenne e per averla fatto salire a bordo della propria vettura. Entrata in vigore il 25 maggio, l’ordinanza è stata messa a punto per prevenire e contrastare i pericoli derivanti dai comportamenti connessi all’esercizio della prostituzione su strada. In particolare esplica la sua efficacia in una serie specifiche di zone dove il fenomeno si presenta con maggior forza, consentendo agli agenti operanti di contestare sanzioni amministrative pecuniarie fino a 500 euro (400 se pagati entro 60 giorni) a tutti coloro che porranno in essere comportamenti diretti a offrire prestazioni sessuali a pagamento o a chi sarà sorpreso a richiedere informazioni a questi soggetti, concordando l’acquisizione di prestazioni sessuali a pagamento.

La super-multa

Un ulteriore strumento che come noto si affianca ad altri previsti da strumenti normativi diversi a cui gli agenti della polizia municipale attingono nell’attività di contrasto alla prostituzione: dalla contestazione e applicazione delle sanzioni previste dall’articolo 527 del codice penale che, ora depenalizzato, punisce gli atti osceni in luogo pubblico con una sanzione amministrativa fino a 10mila euro, al Codice della strada (da 41 a 54 euro) contestato a coloro che, alla guida di veicoli, eseguono manovre pericolose o di intralcio alla circolazione stradale per porre in essere tali comportamenti.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

TOP NEWS

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c