Teppisti con lame e punteruoli

17/05/2017 - 09:05

I vandali fanno strage di gomme: decine di auto coi copertoni squarciati

Il raid vandalico iniziati in via Ovidio e poi proseguito in via Macanno. Tra i bersagli anche l'ospedale e Le Befane

I vandali fanno strage di gomme: decine di auto coi copertoni squarciati

La titolare del negozio di gomme Arlotti

RIMINI. Vandali scatenati nella notte tra domenica e lunedì. Armati di punteruoli e grossi coltelli, sconosciuti senza motivo apparente hanno tagliato gli pneumatici di sette vetture parcheggiate in via Ovidio, di proprietà di altrettanti residenti. Il raid, stando alle informazioni raccolte e scambiate dalle vittime, è poi proseguito in via Macanno. Qui le “vittime” sono ancora in fase di conteggio. Al momento non risulta che nessuno dei bersagli dei balordi abbia presentato denuncia alle forze dell’ordine, indispensabile se si è assicurati per gli atti vandalici e si vuol chiedere il risarcimento dei danni. Non è la prima volta che le due vie entrano nel mirino dei teppisti e di bande di ladri che agiscono su commissione. Lo scorso anno, per esempio, diverse Bmw e un paio di Volkswagen furono alleggerite della costosa fanaleria anteriore a led.

La testimonianza

«Anche nella notte tra venerdì e sabato scorsi - spiega Patrizia Arlotti, titolare dell’omonima attività di gommista di via Flaminia - c’è stato un raid analogo, questa volta però, stando ai racconti di chi ha chiesto il nostro aiuto, in zona mare e centro storico». Probabilmente un “ritardatario” del raid dell’altra notte si è presentato anche ieri mattina.

La centralità dell’attività, rende Arlotti un osservatorio speciale di un fenomeno grave che non lascia indenne nessuno. «Uno dei posti più battuti da questi balordi che non hanno rispetto di nessuno è il parcheggio grande dell’ospedale in viale Settembrini».

Un altro bersaglio per un lungo periodo è stato il parcheggio sotterraneo de Le Befane: la gomma tagliata serviva per rubare la borsa che la vittima lasciava inevitabilmente a terra quando controllava il danno patito. «Per questo a clienti e conoscenti ancora oggi consigliamo di non lasciare la macchina in sosta là sotto». Ma c’è una preferenza nei mezzi presi di mira dai vandali? «Assolutamente no. Tagliano indistintamente le gomme alle vetture private come ai mezzi da lavoro».

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c