Modello Gallipoli a Riccione

Samsara e l'incubo caos. Pioggia: «Lo sballo resta fuori»

Preoccupati residenti e operatori della zona per i rumori. L'ex presidente del Silb e socio del locale: «Divertimento soft»

di EMER SANI

13/05/2017 - 08:49

Samsara e l'incubo caos. Pioggia: «Lo sballo resta fuori»

Un rendering del locale

RICCIONE. C’è una certa apprensione per i rumori e il disordine tra gli operatori e i residenti della zona in vista dell’apertura del Samsara beach il 1° giugno, il locale con l’intrattenimento made in Gallipoli. Ma Sergio Pioggia, uno dei soci del nuovo locale, che torna nel mondo del divertimento, assicura che «sarà un divertimento soft». Non ci sarà insomma un Marano bis.

No allo sballo della notte

Il Samsara prende il posto del Beach caffè, nella zona accerchiata dalla spiaggia libera. I lavori di ristrutturazione sono quasi terminati. «La musica partirà piano dalle 17, per alzarsi nel clou dell’appuntamento attorno l’ultima ora dalle dalle 20 in poi», prosegue Pioggia. L’obiettivo è riportare a Riccione i 30enni e 40enni. «Cerchiamo di portare gente nuova, diciamo no allo sballo no alla notte, con un’offerta che a Riccione al momento manca», dice lo storico ex presidente del Silb (il sindaco dei locali da ballo), e titolare della Fattoria del mare.

Si chiude prima delle 2

E per raggiungere la meta prefissa, gli ingredienti saranno semplici: «Il nostro prodotto è un aperitivo in spiaggia molto corto, massimo fino alle 21, dopodiché ci sarà la cena animata con musica, molto leggera, di intrattenimento, e tra l’una e le 2 si chiude. Per chi vuole la discoteca promuoviamo invece dei pacchetti, prima da noi poi in collina. Quindi la clientela sa già com’è divisa la serata e sa cosa aspettarsi». Il programma è pensato anche per le famiglie, «che portandosi i figli possono partecipare all’aperitivo, dopo un certo orario invece si prosegue con chi vuole continuare a divertirsi».

Torna la cena danzante

Samsara arriva a Riccione dopo il lancio del marchio a Gallipoli e dopo l’apertura dall’anno scorso anche a Budva (Montenegro). «La sera prevede la cena danzante, una formula che ho lanciato con la storica Torre folk che gestivo in passato - prosegue Pioggia - per riportare il divertimento per chi non vuole lo sballo, ma una sorta di “rotonda sul mare”. Lo dicevo anche all’ex sindaco Renata Tosi: chi spegne la musica significa che non ha capito proprio niente. Non va mai spenta, solo un certo tipo di musica e lo sballo vanno eliminati».

Bagno 132, restyling

Gli altri soci di Pioggia sono David Cicchella e Rocco Greco. Samsara sarà anche ristorante e spiaggia annessa. «Finiremo presto la serata anche perché gestiremo la zona 132, quindi dovrà essere tutto pronto per accogliere i bagnanti, con il servizio del pranzo sotto l’ombrellone». I permessi mancati. «Al posto dei grandi ombrelloni dovevamo montare una tettoia apribile, ma la caduta dell’ex sindaco e l’arrivo del commissario hanno bloccato le procedure in Comune. Continueremo i lavori a settembre per essere pronti con il “mare d’inverno».

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c