FORLI'

22/11/2018 - 12:06

Mucca abbattuta a Forlì, per la Regione "non si poteva sedare"

Procedure regolari per l'assessore Venturi: "Era aggressiva e in crisi respiratoria"

«Chiarezza sull’uccisione della mucca»

L'animale sollevato da un trattore

FORLI'. Abbattuta con 19 colpi di pistola e poi finita a fucilate. Ma per la Regione Emilia-Romagna e' tutto regolare. Torna a far discutere il caso della mucca scappata da una stalla nel giugno scorso in provincia di Forli' e uccisa dalla Polizia municipale con un metodo giudicato fin da subito troppo violento dagli esponenti M5s, che sono arrivati anche a presentare un esposto in Procura. Secondo i 5 stelle, infatti, c'erano "informazioni discordanti e contraddittorie fra quanto riportato dai verbali dell'Ausl e dei vigili presenti sul posto".
Senza contare che il fucile a pallettoni usato dalla Polizia municipale per finire l'animale, "non e' di ordinanza". I 5 stelle hanno anche depositato un'interrogazione in Regione. E nella risposta arrivata oggi dall'assessore alla Sanita', Sergio Venturi, si spiega che il metodo di abbattimento "rientra tra quelli approvati dal Centro nazionale di referenza per il benessere animale". Il 19 giugno, i veterinari dell'Ausl romagnola furono chiamati dalla Polizia municipale alle prese con una mucca fuggita da una stalla e in circolazione sulle strade di Forli'. "La presenza del bovino in strada e il suo comportamento aggressivo, che rendeva impossibile la cattura - riferisce nella sua risposta l'assessore - rappresentavano un potenziale pericolo per le persone". I veterinari, arrivati sul posto per sedare il bovino si sono accorti pero' che "l'animale, in preda a forte agitazione e molto aggressivo, presentava chiari segni di sofferenza respiratoria, visibili anche a distanza". Per questo, gli stessi veterinari hanno escluso la possibilita' di sedare o anestetizzare la mucca, per via "delle contraddizioni del farmaco in caso di affezioni respiratorie, e hanno dovuto loro malgrado optare per l'abbattimento quale unica strada percorribile per evitare all'animale inutili sofferenze". La successiva autopsia sul corpo della mucca, aggiunge Venturi, ha poi "confermato la diagnosi di grave insufficienza respiratoria".

La risposta della Giunta ha pero' lasciato basiti sia la capogruppo M5s in viale Aldo Moro, Silvia Piccinini, sia Daniele Vergini, consigliere comunale grillino a Forli'. "Incredibile", si indignano Piccinini e Vergini, che parlano invece di "metodo barbaro. Continuiamo a pensare che uccidere un animale a colpi di pistola sia una pratica piu' consona al Far West che alla civile Emilia-Romagna". Secondo i 5 stelle, "nonostante quello che e' successo, si continua a voler far credere che l'animale sia stato abbattuto in un modo assolutamente cruento per garantire il suo benessere". Eppure, contestano Piccinini e Vergini, "negli stessi documenti citati dalla Regione, si suggerisce una sedazione dell'animale prima del colpo mortale". Cosa che invece per la mucca di Forli' "non e' stata fatta - accusa l'M5s - prolungando inutilmente la sua sofferenza".

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500


TOP NEWS

ARTICOLI CORRELATI

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c