I DUBBI SULLA RICANDIDATURA

29/12/2013 - 10:50

Ci prova anche Stefano Bonaccini

Ieri il responsabile nazionale enti locali e segretario regionale del Pd si è incontrato con il sindaco Roberto Balzani per un'ora e mezzo

Ci prova anche Stefano Bonaccini

FORLÌ. E così Stefano Bonaccini, 46 anni, consigliere regionale, segretario regionale e componente della segreteria nazionale del Pd ieri ha fatto visita a Roberto Balzani. Il sindaco forlivese gli ha ribadito le ragioni che lo rendono fortemente dubbioso sulla prosecuzione con un secondo mandato prima come candidato e poi come probabile sindaco, ma Bonaccini, forte del sentimento prevalente nella direzione del Pd forlivese ha ribadito che l’ideale sarebbe per Balzani affrontare anche il secondo mandato e poi...si vedrà. Solo che Balzani non ha sciolto alcun dubbio pur affrontando con Bonaccini un colloquio amichevole e non privo di estrema franchezza. Il segretario regionale (eletto con le primarie del 2009 ed allora sulle posizioni di Bersani, poi allontanatosi e vicino a Renzi nel 2013), ha anche il compito di illustrare la situazione a Matteo Renzi, ma le aperture sulle prossime elezioni europee devono fare i conti con diversi fattori e appetiti. A partire dall’ex-ministro Antonio De Castro che vorrebbe ricandidarsi al parlamento europeo nel secondo mandato dopo quello espletato, con un certo successo, dopo essere stato eletto in Europa nel collegio del Sud dell’Italia, con 111 mila preferenze personali. Ora il collegio Nord-Est potrebbe essere quello sul quale punta l’europarlamentare dopo che è ormai certo l’abbandono di Vittorio Prodi e incerta e da costruire è anche la rielezione di Salvatore Caronna, segretario regionale del Pd predecessore di Stefano Bonaccini.

Strategie di persuasione. Bonaccini è in un ruolo particolare: come responsabile nazionale degli enti locali non può che vedere con sospetto ogni mossa che possa, anche solo lontanamente, indebolire quei risultati politico-amministrativi a portata di mano. E la ricandidatura di Balzani viene considerata meno rischiosa di qualsiasi altra possibile nel territorio di Forlì. Restano le obiezioni del professore, anche di tipo personale, lo stress familiare e la pressione psicologica verso la moglie e i due figli, la tentazione universitaria che è sempre presente nel docente. A differenza di Renzi, però, Balzani ritiene che chi guiderà la città non può in linea di principio abbandonare in corso d’opera perché allettato da qualche incarico elettivo di altro ambito. Sui rapporti con Vasco Errani da parte di Bonaccini un esercizio di equilibrio. Le ragioni personali di Balzani sono comprensibili, ma non bisogna sparare ad alzo zero verso un presidente destinato alla conclusione di un mandato contrassegnato non solo da ombre cupe e in tempi difficili.

La cosa più certa. La promozione di Balzani nella direzione nazionale del Pd lo ha proiettato in una luce non più locale, ma il professore proprio ora che può scegliere deve avere ben chiaro che come sindaco, o in altra veste, il risultato elettorale del Pd forlivese, soprattutto in ambito comunale, lo interessa comunque. Non sarà facile ripetere l’exploit del 2009, anche se la macchina del Pd che si è vista all’opera per le primarie nazionali che hanno dato a Matteo Renzi la vittoria a Forlì è forte. Balzani vuole tentare sul serio la carta politica, non solo quella amministrativa. Può provarci, se avrà un cenno diretto da Renzi, la corsa delle Europee, oppure ricandidarsi con sacrificio alla carica di sindaco forte di una vasta spinta non solo interna al Pd locale. E poi ci sono le prossime politiche e la vicenda regionale che, forse, è il nodo da sciogliere per qualsiasi amministrazione romagnola. La revisione del “modello emiliano” apre riflessioni sui limiti del governo regionale e un nuovo orizzonte.

Pietro Caruso

 

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c