LO SPETTACOLO

29/12/2018 - 06:44

di CLAUDIA ROCCHI

“Sogno o son desto”, Massimo Ranieri questa sera a Cesena

L’artista napoletano torna al Carisport con il suo show “rivisitato”

“Sogno o son desto”, Massimo Ranieri questa sera a Cesena

È un’icona inossidabile il nostro Massimo Ranieri da Napoli, orgoglio del made in Italy. Stasera al Carisport di Cesena alle 21, unica data in Romagna, propone il suo spettacolo Sogno o son desto aggiornato a “400 volte” tante sono le repliche di un successo che si rinnova dal 2007. La prima versione arrivò al Carisport nel 2009, poi nel 2011, quindi 2016, e adesso torna per la quarta volta rivisitata; è un one man show con orchestra dal vivo, giochi luminosi, canto, racconti, aneddoti, il tutto ideato e scritto con Gualtiero Peirce (autore, giornalista, regista).

L’internazionalità di Sogno o son desto così come dell’ex “scugnizzo” Ranieri, è stata confermata da una tournée in Usa e Canada, e ora in una nuova versione dello show. A Cesena va in scena in un’atmosfera festosa, per continuare il viaggio dell’istrionico Ranieri condiviso da un pubblico fedelissimo che non lo abbandona. L’idea della serata è di vivere una magnifica avventura sospesa tra il gioco della fantasia e le emozioni sincere della vita. L’artista interpreta i suoi evergreen e i maggiori successi musicali, ma sempre con la verve di attore-narratore. Nella nuova versione dello spettacolo, Ranieri esalta più di prima anche il gusto (per lui irrinunciabile) della tradizione umoristica napoletana, quella del coup de théâtre, oltre al piacere della sorpresa. Più di ogni altra cosa però, Massimo Ranieri desidera conquistare dimostrandosi semplicemente se stesso.

Se il tour Sogno o son desto 400 volte sta per finire, aumentano i nuovi impegni; il pubblico televisivo potrà seguire Ranieri in diretta tivù; è l’ospite principale dello spettacolo di Rai 1 di San Silvestro L’anno che verrà, condotto da Amadeus. Il 31 dicembre Ranieri canterà e intratterrà sulla piazza di Matera.

Un’altra sorpresa è attesa nel 2019 e dedicata ai fan di Massimo Ranieri in veste di attore. L’artista tornerà a teatro in uno dei grandi classici del Novecento quale è “Il gabbiano” di Cecov, nella lettura registica di Giancarlo Sepe, autore che ama raccontare anche con musica e movimento. Lo spettacolo debutta in marzo a Roma per poi girare l’Italia in tour; sarebbe bello passasse anche dal Bonci dove Massimo Ranieri fu protagonista di spettacoli indimenticabili. Il pubblico âgé lo ricorda nel “Rinaldo in campo”, ma anche ne “L’anima buona del Sezuan” diretto da Giorgio Strehler, e poi nei panni del re del circo “Barnum”, fino a “Hollywood” e “Il grande campione” sulla vita del pugile Marcel Cerdan che amò Edith Piaf. «Forse inconsciamente ho sempre voluto fare questo – ci confidò in camerino –, il cantante è stato un apripista per l’attore. Fu Patroni Griffi a scoprirmi nel 1972, stavo partendo militare. Mi disse: credo tu sia pronto per il teatro. E mi chiamò per “Napoli chi resta e chi parte” di Raffaele Viviani».

Info: 329 0058054

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500


TOP NEWS

ARTICOLI CORRELATI

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c