FILM

18/12/2018 - 09:56

Un testimone invisibile per il regista ravennate Mordini. Giallo con Scamarcio e Miriam Leone

Della verità esistono tre versioni, tutte possibili. Perché sono i dettagli a fare la differenza

Un testimone invisibile per il regista ravennate Mordini. Giallo con Scamarcio e Miriam Leone

RAVENNA. È un giallo labirintico che inizia in una asettica stanza d’albergo il nuovo film del ravennate Stefano Mordini, Il testimone invisibile. Si tratta del remake del noir spagnolo Contratiempo scritto e diretto da Oriol Paulo.

La trama

È la storia di Adriano Doria (interpretato da Riccardo Scamarcio), un giovane imprenditore di successo che si risveglia in una camera d'albergo chiusa dall'interno accanto al corpo senza vita della sua amante, la fotografa Laura (l’attrice Miriam Leone). Viene accusato di omicidio ma si dichiara innocente. Per difendersi, incarica la penalista Virginia Ferrara (Maria Paiato), famosa per non aver mai perso una causa. L’emergere di un testimone chiave e l’imminente interrogatorio che potrebbe condannarlo costringe Adriano e l’avvocata Ferrara a preparare in sole tre ore la strategia della sua difesa e a cercare la prova della sua innocenza. Adriano sarà costretto a raccontare tutta la verità.

La verità ha tre versioni

Un giallo perfetto che dà vita a tre versioni differenti della verità, tutte esattamente possibili in ogni particolare perché come dice l’avvocata: «Sono i dettagli a fare la differenza». Niente è come sembra, e la stessa storia può essere raccontata da angolazioni diverse, illuminando diverse verità. Continui cambi di scena e di prospettiva e un’ambientazione suggestiva nel cuore delle montagne del Trentino. Nel cast c’è anche Fabrizio Bentivoglio.

Il regista

Stefano Mordini (Marradi, 1968), cofondatore a Ravenna di Start Cinema e collaboratore storico di iniziative cinematografiche nate sul territorio come il Ravenna nightmare film fest, è autore di film presentati nei più importanti festival internazionali tra cui Provincia meccanica in concorso a Berlino, Acciaio, visto alla Mostra del Cinema di Venezia, e Pericle il Nero con cui ha partecipato al Festival di Cannes 2016 nella sezione “Un certain regard”.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500


TOP NEWS

ARTICOLI CORRELATI

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c