ALLO SPAZIO TONDELLI

Dalla Siria alla Turchia Mediterraneo rosso sangue

Obiettivo puntato senza preconcetti sulle terre che circondano il nostro mare: parte questa sera la 16ª edizione degli “Incontri”

di ALESSANDRO FIOCCA

21/03/2018 - 12:44

Dalla Siria alla Turchia Mediterraneo rosso sangue

RICCIONE. Un obiettivo puntato senza preconcetti su luoghi e fatti che caratterizzano le terre che circondano il Mediterraneo. Un variegato e complesso disegno di popoli e Stati molto vicini all’Italia. È con queste premesse che parte, questa sera, la 16ª edizione di Incontri del Mediterraneo, evento organizzato dall’Associazione Pulici allo Spazio Tondelli di Riccione (ingresso gratuito). Ad aprire la rassegna, questa sera, sarà Davide Enia che presenterà Appunti per un naufragio, lettura scenica tratta dall’omonimo romanzo (altro articolo in pagina).

Giovedì

Domani, alle 17.30 si entra nel vivo degli approfondimenti con l’inaugurazione della mostra fotografica Medici senza frontiere. Alle 18.30 il giornalista e inviato della Stampa Domenico Quirico verrà intervistato dal giornalista Brahim Maarad, presentando il libro Esodo. Storia del nuovo millennio (Neri Pozza). Sempre Quirico, alle 20.30, sarà protagonista di un dibattito sul tema delle migrazioni moderato da Francesco Cavalli. Con lui il giornalista Salvatore Altiero, che ha realizzato il report “Crisi ambientali e migrazioni forzate. L’ondata silenziosa oltre la fortezza Europa”. Un tema, quello delle migrazioni, affrontato anche dal repper Willie Peyote attraverso due videoclip girati a Lampedusa, offrendo una visione dell’isola senza i filtri imposti da necessità propagandistiche o politiche.

Venerdì

La giornata sarà dedicata al popolo curdo e alla guerra in Siria. Proprio con la proiezione del programma tv che Rai Storia ha dedicato al popolo curdo, alle 17.30, prenderà il via la terza giornata di incontri che continuerà, alle 18.30, con il giornalista e vaticanista Riccardo Cristiano impegnato a presentare il suo ultimo libro Siria. L’ultimo genocidio.

Alle 20.30, moderati dal presidente dell’Associazione Bologna-Kurdistan Antonio Mumolo, si confronteranno sul ruolo dei curdi nella battaglia di Afrin il segretario dell’Istituto italiano di cultura kurda Soran Ahmad, il giornalista Riccardo Cristiano e Claudio Locatelli, giornalista-combattente.

Alle 22 chiuderà la serata un concerto di musiche antiche e popolari del Mediterraneo con Frida Neri (voce), Antonio Nasone (chitarra), Fabio Mina (flauti, duduk, dizi) e Francesco Savoretti (percussioni).

Sabato

La giornata conclusiva della rassegna sarà invece dedicata al tema “Migrazioni, Mediterraneo e Europa” che si aprirà alle 17.30 con una intervista in esclusiva di Francesco Cavalli a padre Alex Zanotelli. Alle 18.30 attraverso il libro Ogni luogo è Taksim (Rosenberg & Sellier), presentato dal giornalista turco Murat Cinar intervistato da Stefano Rossini, i partecipanti potranno scoprire come in Turchia le libertà fondamentali dei giornalisti vengano quotidianamente negate.

Alle 20.30 il poeta riccionese Francesco Gabellini leggerà Il pacifista, un testo in dialetto romagnolo scritto per la rassegna che, alle 21, si chiuderà con l’incontro dal titolo “I paesi del Mediterraneo e l’Europa: tra assenze e mire delle grandi potenze”, nel corso del quale, moderati dalla giornalista Isabella Ciotti, si confronteranno il politico e giornalista Jean Léonard Touadi, la ricercatrice dell’Istituto Affari Internazionali Anja Palm e il giornalista turco Murat Cinar.

www.incontridelmediterraneo.online

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c