CESENA

22/11/2018 - 11:19

Cesena, sbanda e causa un incidente: è colpa delle buche, assolto

Giovanissimo cesenate ritenuto non responsabile per le lesioni riportate da una donna. Ora potrebbe intentare causa allo Stato

Cesena, sbanda e causa un incidente: è colpa delle buche, assolto

CESENA. Sbandando con il suo scooter era accusato di essere stato la causa di un incidente stradale spaventoso. Nel quale una donna era rimasta gravemente ferita. A distanza di un anno e mezzo è stato assolto da ogni accusa. Tanto che ora sta meditando anche se sporgere denuncia contro Anas, per il pessimo stato della strada. L’arteria in questione è una delle più trafficate in città: la via Romea. Siamo in zona San Mauro in Valle quando il 31 marzo 2017, avviene l’incidente. Il giovanissimo cesenate, poco più che maggiorenne, stava viaggiando sul suo scooter Malaguti.

I testimoni dell’accaduto ed i rilievi effettuati sul sinistro hanno chiarito come non fosse stato in grado di controllare il suo ciclomotore. Aveva sbandato ed era finito a terra al pari dello scooter. Il mezzo era finito in una posizione nell’altra carreggiata dove per evitarlo (senza peraltro riuscirci del tutto) una Lancia Y con a bordo una donna cesenate aveva sterzato in maniera secca a destra. Andandosi a schiantare contro dei pali di segnaletica orizzontale prima, per finire poi a sbattere contro delle spallette di cemento a lato della strada.

Le conseguenze furono bastanza serie per la donna. Alla quale vennero computati 45 giorni di prognosi per fratture al naso, la necessità devitalizzare un dente traumatizzato, lesioni alla colonna vertebrale. Una prima prognosi che poi si era prolungata nel tempo per la guarigione.

Il giovane scooterista aveva fin da subito spiegato di aver sbandato per colpa delle disconnessioni del terreno. Il suo scooter era stato visto letteralmente impennare prima di dirigersi verso la vettura che marciava in direzione opposta. Fondamentale in aula è stata la testimonianza di un ingegnere, Gianluca Piraccini, che in qualità di consulente ha spiegato come sia potuto accadere l’incidente. La moto ha sbandato per colpa di avvallamenti e buche dell’asfalto. In rapida successione. Profondi tra i due ed i 5 centimetri. Tutti “solchi” sull’asfalto non segnalati. E quindi oltremodo pericolosi.

Malgrado i 6 mesi di condanna chiesti dalla procura (Pm Marina Tambini), accompagnati dallo stop quinquennale della patente di guida, il giovane (difeso dall’avvocato Alessandro Sintucci) è stato assolto dal giudice Maurizio Lubrano. La colpa era della strada dunque e non dello scooterista. Al punto che ora l’avvocato del cesenate sta valutando l’opportunità di una causa di risarcimento contro Anas. Essendo la Romea strada statale.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500


TOP NEWS

ARTICOLI CORRELATI

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c