LONGIANO

27/03/2014 - 12:50

Ladri di auto, camion e slot

Un mezzo pesante incastrato tra gli alberi, le macchinette della casa del popolo abbandonate su un altro furgone

Ladri di auto, camion e slot

LONGIANO. Caos, furti di autoveicoli a raffica e circolo di Balignano con spaccata notturna. Nelle frazioni di Longiano e Ponte Ospedaletto sono stati rubati, nella notte tra martedì e mercoledì, vari automezzi, oltre a una Fiat Marea abbandonata in zona ma rubata a Faenza. Ad essere visitati, da quella che potrebbe essere una banda organizzata che ha puntato tutto sulla velocità, sono stati privati cittadini e aziende.

Rubato un camion Fiat Euro Cargo con gru in un deposito recintato e sotto chiave a Ponte Ospedaletto, una Polo Volkswagen in un cortile recintato a Balignano, un autofurgone Fiat Iveco sempre a Balignano. Quest'ultimo poi è stato utilizzato anche per rubare e trasportare in località Crocetta le 3 slot custodite all'interno dei locali della Casa del popolo di Balignano, dove hanno fatto la spaccata per entrare. Un testimone ha visto la scena e ha chiamato le forze dell'ordine, mentre l'allarme è scattato regolarmente. Ma sono bastati pochi attimi alla banda per caricare le pesanti slot e dileguarsi. Salvo rifarsi individuare per i rumori sordi per aprire a forza le slot a Crocetta in una zona agricola e altro cittadino pronto a chiamare le forze dell'ordine. I carabinieri arrivati velocemente hanno intercettato la Fiat Marea, ma alla vista delle divise gli occupanti hanno abbandonato la macchina e sono scappati con il favore delle tenebre.

Per quanto riguarda le slot ritrovate a Crocetta ne hanno aperte due su tre e sono state ritrovare vicine ad una serra agricola. Tre le radiomobili dei Carabinieri che hanno battuto la zona palmo a palmo per cercare i malviventi.

La spaccata è avvenuta verso le 2 e mezza di notte. I videogiochi sono stati caricati su un furgone «Il mio Fiat Iveco 35-10 di colore bianco - afferma l'agricoltore proprietario, Claudio Orlandi, che è anche responsabile del circolo Arci - era parcheggiato in un capannone nei pressi del circolo. Più o meno è la stessa dinamica utilizzata dai malviventi nel novembre scorso, quando a involarsi sono state ancora le slot, sempre caricate sul camion, poi abbandonato in zona cimitero di Massa. A bordo del mezzo stavolta c'erano anche alcuni attrezzi, tra cui una motosega, che però non sono stati asportati. Ora il mezzo è stato posto sotto sequestro conservativo dai carabinieri, mentre i danni al circolo sono pesanti per la porta sradicata e la spaccata in una struttura esterna».

«Il mio autocarro era dentro al recinto chiuso in via della Pace – afferma Nevio Casali – all'interno cose e una borsa con blocchetti di assegni che avrei utilizzato al mattino per andare ad acquistare materiale fuori regione. Gli assegni sono stati sparsi lungo il tragitto verso Balignano e il camion poi è stato danneggiato, incastrato tra due alberi».

«La mia Polo Volkswagen era dentro al cortile recintato – aggiunge Mauro Vitali – hanno portato via l'auto e il suo contenuto. Spero si possa ritrovare integra o dovrò comprarmela nuova».

«Stanotte a Balignano-Ponte Ospedaletto c'è stato il far west - conclude un cittadino del luogo - ormai non se ne può più». E la mente corre anche alla rapina violenta al bar Mercury di qualche tempo fa a Ponte Ospedaletto e allo stillicidio di fatti criminosi che succedono di notte in queste frazioni.

Giorgio Magnani

 

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c