SAVIGNANO SUL RUBICONE

07/08/2018 - 12:08

«Ciao Caisì»: l’ultimo saluto al 18enne di Savignano con striscione e musica rap

I ricordi commoventi dei tanti amici e anche di alcuni professori. All’uscita dalla chiesa tutti in silenzio per ascoltare “La prima volta” di Salmo

«Ciao Caisì»: l’ultimo saluto al 18enne di Savignano con striscione e musica rap

SAVIGNANO SUL RUBICONE. «Ciao Caisì». Così lo chiamavano gli amici. Fermi, al termine della Messa, sotto il sole cocente del pieno pomeriggio, hanno atteso Alex in composto silenzio per l’ultimo abbraccio sul piazzale davanti alla porta della chiesa. E quando il feretro è apparso, hanno acceso la musica diffondendo le note del rap di Salmo “La prima volta”, stretti dietro a un lenzuolo bianco con la dedica “Ciao Alex. I tuoi amici della 4C”. Ma al funerale, di amici, c’erano anche quelli delle scuole medie, della palestra, del parco Nenni. Tutti in piedi nei densi minuti che ci sono voluti per ascoltare il tributo musicale destinato al 18 enne morto mercoledì scorso in un incidente stradale sulla via San Bartolo, tra Savignano e Santarcangelo, mentre andava al lavoro.

Una realtà difficile da accettare, questo secondo incidente dopo quello ancora recente della 16enne Lisa Lazzaretti, e sono diversi i ragazzi che avevano in comune l’amicizia con entrambe le vittime.

L’omelia

«Gesù vuole la vita e non la morte» ha detto don Davide Pedrosi durante l’omelia rivolgendosi in particolare alla famiglia ma con una delicata attenzione per i tantissimi adolescenti presenti. «La morte, specie di un giovane, dal punto di vista umano non ha senso. Ma neppure secondo la logica del Vangelo ha senso, Dio vuole la vita». Allora non una parola di consolazione, ha voluto dare il sacerdote. «Nessuno ti può dire una parola buona di fronte alla morte, allora io non vorrei dire nulla se non una preghiera. Cercate di non abbandonare, se potete, la relazione con Gesù. Alex è morto ma non è andato via. Preghiamo perché in quella relazione possiate sentirlo, specialmente in quei giorni in cui la fatica del distacco si farà più sentire».

Il ricordo degli amici

Un’omelia breve, quella di don Davide, per lasciare spazio ai tanti che volevano offrire il loro ricordo di Alex all’assemblea. Come gli amici che lo hanno volto salutare ricordandone la capacità di «vedere la bellezza e farla vedere alle persone che non riescono a vederla in se stesse» e il «vuoto incolmabile, prenderemo per mano i tuoi cari e cercheremo di andare avanti». O ancora una mamma del quartiere che ne ha sottolineato l’educazione, l’impegno e l’umiltà. O il professor Paolo Barberini dell’alberghiero “Malatesta” di Rimini che lo ha definito «un allievo esemplare». E la compagna della palestra di karate che ha elencato i valori umani condivisi con il giovane. Al termine ha preso la parola anche don Roberto  Battaglia, insegnante di religione all’Istituto alberghiero “Malatesta” di Rimini, dove Alex Casadei frequentava la 4C. «Gli occhi dei ragazzi gridano un desiderio di felicità - ha detto il sacerdote - questo desiderio oggi si compie. Alex è stato voluto e amato. Tratto dal nulla e amato. Adesso il suo percorso si compie. Rimane un mistero perché si compia con questi tempi e modi, ma rispondiamo così a questo mistero».

La cerimonia

La cerimonia religiosa è stata officiata da don Davide Pedrosi e don Battaglia, servivano Messa i diaconi Massimo Colonna e Matteo Gasperoni. Con loro anche l’accolito Paolo Amadori. Erano presenti inoltre con la fascia tricolore il sindaco di Savignano Filippo Giovannini con lo stendardo del Comune e il presidente del consiglio comunale di Santarcangelo Stefano Coveri, il dirigente scolastico dell’istituto alberghiero di Marebello, Ornella Scaringi, molti insegnanti. La salma è stata poi condotta a Cesena per la cremazione.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500


TOP NEWS

ARTICOLI CORRELATI

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c