INDAGINE CONFESERCENTI

28/12/2013 - 11:02

Vendite natalizie: qualche sorriso in più

Affari in crescita per il 21% degli esercenti: a fare da traino è stato il settore alimentare

Vendite natalizie: qualche sorriso in più

CESENA. Spesso il bicchiere si può vedere mezzo pieno oppure mezzo vuoto. Vale anche per lo shopping del periodo natalizio. Per la maggior parte degli esercenti le vendite si sono mantenuti sugli stessi livelli delle festività di fine 2012. Ma c’è anche da una parte un 21 per cento che può sorridere avendo lavorato di più e dall’altra parte un 27 per cento che ha visto dimagrire ulteriormente il proprio volume d’affari. E’ quanto emerge dall’indagine compiuta dal Centro Studi della Confesercenti Cesenate, che il 27 dicembre ha interpellato per telefono 120 suoi associati per capire come sono andate le cose in quello che è da sempre il periodo in cui i negozi sono più affollati.

«Certamente non sarà ricordato dai commercianti come un grande Natale - è il commento di Graziano Gozi, direttore dell’associazione di categoria - ma viste le premesse i dati avrebbero potuto essere più preoccupanti. Ad inizio dicembre gli incassi erano stati molto negativi, mentre a ridosso delle festività c’è stato un buon recupero». In particolare, negli ultimi giorni della settimana prenatalizia è arrivata una boccata d’ossigeno per diversi esercenti: il 59 per cento degli interpellati ha segnalato un’impennata di acquisti in questo breve ma intenso arco di tempo.

Così, rispetto all’analogo studio effettuato dodici mesi prima, è salita dal 10 al 21 per cento la quota di chi ha dichiarato vendite in crescita, mentre è calata dal 49 al 27 per cento la percentuale dei commercianti a cui le cose sono andate di male in peggio. Per chi ha avuto riscontri positivi la spiegazione è semplice: il 52 per cento di loro ritiene che niente potrà mai fare venire meno le compere durante le feste natalizie. L’81 per cento di chi invece ha chiuso i conti in rosso attribuisce invece la colpa del fallimento al peggioramento della situazione economica.

Il presidente della Confesercenti Cesenate, Armando Casabianca, analizza l’andamento non uniforme che è stato rilevato nei diversi comparti: «Il migliore risultato è stato ottenuto nel comparto alimentare, con particolare interesse per i prodotti tipici del territorio. Un fenomeno correlato ai tradizionali cenoni, ma anche alla scelta di scegliere come regalo cesti e pacchi pieni di alimenti di qualità. Buona anche la presenza nei ristoranti.

Casabianca, facendo il punto sull’andamento del commercio nel corso di tutto il 2013, non nasconde che la situazione resta di grande difficoltà: «Ai problemi economici oggettivi di tante famiglie si associa un carico fiscale sulle imprese spropositato. Poi incide anche la componente psicologica: le preoccupazioni legate alla stabilità delle condizioni di lavoro in numerose famiglie inducono a ridurre i consumi. Il pagamento dell’Imu e della Tares nel periodo natalizio, inoltre, ha condizionato l’atteggiamento di molti consumatori».

Ora tutti gli occhi sono già puntati sui saldi di fine stagione, che inizieranno il 4 gennaio. Anche se - ammette Casabianca - «sono sempre più numerose le attività commerciali che hanno avviato operazioni promozionali già prima del Natale».

 

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500

TOP NEWS

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c