INCONTRO A RIMINI

19/11/2018 - 11:18

L’anima delle barche e quella dei marinai

“L’arte bella”: il rapporto uomo-mare spiegato dal navigatore, dallo scrittore e dal maestro d’ascia

L’anima delle barche e quella dei marinai

Stefano Carlini all'interno del suo cantiere nautico

RIMINI. Quale rapporto lega l’uomo al mare? Da cosa nascono la passione e l’amore che esso genera? Un po’ di risposte arrivano sabato pomeriggio a partire dalle 15 ai Cantieri Carlini di Rimini, in via Sinistra del Porto 166. È qui che Luca Del Zozzo ha voluto “ambientare” l’incontro dal titolo “L’arte bella: storie di legni e marinai”. Da buon navigatore, Del Zozzo, promotore dell’iniziativa con l’associazione “Two Sails”, non si limita al viaggio fisico ma anche a quello delle emozioni, dell’anima.

Ed è proprio questo il pregio dell’iniziativa, che cerca di incrociare più punti di vista ed esperienze. Si parte citando lo scrittore Joseph Conrad, l’“arte bella”: quella del marinaio che va a vela e ancor più del maestro d’ascia e del velaio, persone e mestieri antichi che entrano in armonia con gli elementi naturali per trovare il giusto equilibrio. Si prosegue scandagliando un mondo di sensi ed emozioni, mettendo da parte le mode, le regate, il professionismo. «Col mare», spiega Del Zozzo, «abbiamo un rapporto o una relazione istintivi, inspiegabili. Io ritengo che il mare ci riporti all’essenzialità, al contatto con la natura e quindi con noi stessi, la nostra origine. Come se ti vedessi da lontano, attraverso quell’orizzonte circolare che ritorna a te stesso».

Sarà proprio Del Zozzo a introdurre l’incontro. Ha visto il mare come navigatore e come regatante, come quando nel 2009 portò a termine la sua Mini Transat, la traversata in solitario dell’Atlantico su un barchino di sei metri e mezzo, un mese di mare fra tempeste, notti insonni e persino due giorni senza cibo. A parlare dell’arte del maestro d’ascia ci sarà invece Stefano Carlini, titolare del Cantiere Carlini, un luogo dal quale hanno preso vita barche in legno belle e famose come il primo Moro di Venezia. A Fabio Fiori, scrittore e marinaio, il compito di parlare dei romanzi del mare (da qui il riferimento di prima a Conrad) con l’eclettico musicista Giuseppe Ceci a fare da accompagnamento musicale.

Quello di sabato vuole essere il primo di una serie di incontri. L’organizzazione di Two Sails si avvale della collaborazione di Circolo Velico Riminese, Lega Navale Italiana, Yacht Club Rimini e Marina di Rimini.

LASCIA IL TUO COMMENTO >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 2500


TOP NEWS

ARTICOLI CORRELATI

Corriere Romagna (©) - 2018 P.Iva 00357860402
logo w3c