Alimentazione elettrica o a idrogeno, a San Marino arrivano le targhe verdi

SAN MARINO. Sul Titano arrivano le targhe verdi per i veicoli ecologici, ad alimentazione elettrica o a idrogeno. A presentare i primi esemplari, dalla segreteria per l’Istruzione e i Rapporti con l’Aass, il segretario Marco Podeschi, affiancato dal segretario per le Finanze, Eva Guidi, e da Raul Chiaruzzi, direttore dell’Azienda autonoma per i servizi.

Le nuove targhe, che si distingueranno dalle tradizionali targhe “biancoazzurre” per gli altri mezzi, «mirano a dare un segnale forte e visibile – spiega il segretario Guidi – per evidenziare ancora di più la scelta ecologica in tema di viabilità».

Di tre formati differenti, saranno installate rispettivamente su autoveicoli (auto, autocarri, autobus), motoveicoli e ciclomotori. E ancora: le nuove auto green avranno di default la targa verde, mentre i veicoli già circolanti potranno chiedere di cambiarla rivolgendosi all’Urat, senza costi differenziati rispetto alle altre.

Ad oggi i veicoli elettrici immatricolati a San Marino sono 68, di cui più di un terzo, 28, immatricolati nel 2018. A spingere per la scelta del mezzo ecologico, una serie di misure e incentivi che prendono il nome di progetto E-way, di cui le «targhe verdi – spiega il segretario Podeschi – sono l’aspetto ancora più visibile». Dell’iniziativa infatti, Podeschi ricorda le oltre 20 colonnine di ricarica pubbliche e importanti sgravi per chi acquista veicoli a zero emissioni.

«Con le nuove targhe si dà visibilità ulteriore ai mezzi ecologici, come già succede in altri Stati – rimarca – così sarà ancora più facile vedere se nei parcheggi dotati di colonnina per la ricarica c’è un veicolo elettrico al 100%».

Per i sammarinesi che decidono di acquistare un veicolo elettrico sul Titano è previsto un credito d’imposta pari all’80% della tassa sulle importazioni, agevolazione che sale al 99% per cento nel caso di veicoli a idrogeno. Inoltre, viene ridotta l’imposta del 30% per l’acquisto di stazioni di ricarica per immobili di civile abitazione.

Protagonista dell’iniziativa è l’Aass: dal 2018 ha realizzato una infrastruttura pubblica che conta oltre 40 punti di ricarica per le auto, facilmente localizzabili anche tramite un’apposita App ZapGrid e 6 colonnine di ricarica per e-bikes. «Il progetto sta andando bene – spiega infine il direttore Aass Chiaruzzi – nei mesi del 2018 dopo l’attivazione abbiamo erogato oltre 500 ricariche di energia elettrica».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui