San Marino, notai e avvocati: «Urbanistica, ok al più presto il decreto»

Gio 28 Febbraio 2019
Redazione Web


SAN MARINO. Testo unico delle leggi urbanistiche ed edilizie, l’Ordine degli Avvocati e Notai pubblicizza l’entrata in vigore del Decreto Delegato col quale sono state apportate revisioni e integrazioni, introducendo «auspicate disposizioni transitorie per i fabbricati realizzati o modificati in assenza di titolo edilizio antecedentemente all’entrata in vigore del Testo unico».

Cosa cambia? «Tale intervento pare destinato se non a risolvere quantomeno a mitigare in misura finalmente rilevante le problematiche che avevano così profondamente inciso sul mercato immobiliare fino al punto di paralizzare le compravendite».

Il decreto «non solo costituisce un’evidente semplificazione delle norme e delle procedure atte a stabilire la conformità edilizia rispetto al titolo delle singole proprietà immobiliari, ma introduce come parametro preminente e assorbente quello della “superficie utile” chiarendo che non si ha difformità in tutti quei casi in cui l’aumento della superficie non ecceda il 12%». Quindi. «In nessun caso la quota di superficie pari al 12% dà luogo a difformità, costituendo una franchigia assoluta a beneficio degli aventi diritto. Si tratta di una previsione che elimina in radice il criterio della tolleranza percentuale delle misure progettuali, risultata all’atto pratico troppo complessa e ingiustamente onerosa».

Il secondo criterio adottato dal decreto riguarda gli accessori comuni e prevede la prescrizione delle violazioni permanendo in capo a ciascun proprietario unicamente l’obbligo di corrispondere una somma una tantum di 1.500 euro.

«Gli effetti sicuramente positivi del provvedimento adottato che già si riverberano sul mercato immobiliare, corrono, tuttavia il concreto rischio di essere in parte vanificati nel caso in cui non si giungesse in tempi celeri alla ratifica del decreto».

L’Ordine rileva che il risultato raggiunto dal decreto si troverebbe ad essere vanificato nel caso in cui in sede di «ratifica venissero apportate modifiche o integrazioni che già in passato hanno dimostrato la loro inefficacia e parimenti se nell’applicazione, la struttura burocratica del Paese ne svilisse la solare linearità portando per l’ennesima volta complicazioni e lungaggini laddove vi è necessità di semplificazione e celerità». Si auspica che l’organo legislativo «voglia al più presto procedere con la ratifica del decreto così come adottato».

Tag:

,

,

,

,

Scrivi un commento...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *