Ravenna invasa dal pattume, in quattro a processo per lo scandalo immondizia

Ven 15 Marzo 2019
Federico Spadoni


RAVENNA. Cassonetti stracolmi di rifiuti e sacchi d’immondizia accatastati ai margini delle strade. Era la primavera del 2016 quando a Ravenna scoppiò il caos rifiuti, conoscendo uno scandalo che fino a quel momento si pensava riservato a capoluoghi di ben altre dimensioni. La città bizantina ne era uscita tutto sommato rapidamente, con la risoluzione del contratto tra Hera e il consorzio Ambiente 2.0. E altrettanto rapidamente le indagini dei carabinieri del Reparto Operativo, coordinate direttamente dal procuratore capo Alessandro Mancini, avevano chiuso l’inchiesta lampo, indagando quattro persone.

Il processo nei loro confronti si è aperto ieri davanti al giudice monocratico Cecilia Calandra. Ai responsabili del consorzio che vinse l’appalto da 40 milioni di euro è stata contestata l'interruzione di pubblico servizio in concorso. 

Tag:

,

,

,

,

,

,

,

,

,

Scrivi un commento...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *