I dipendenti della Cmc in Kuwait si sentono "ostaggi"

Lun 3 Dicembre 2018
Redazione Web


Trattenuti in carcere, rilasciati, nuovamente minacciati. Continua l'odissea dei dipendenti della Cmc di Ravenna in Kuwait. I due lavoratori, Ricardo Pinela, di origini portoghesi, e Andrea Urciuoli, di Cesena, si sentono "come in ostaggio" e chiedono l'intervento dei ministri degli esteri di Italia e Portogallo. Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco di Cesena, Paolo Lucchi, che in una lettera ha chiesto al Governo un "tempestivo intervento" per risolvere la situazione.

Tag:

,

,

,

,

,

,

Scrivi un commento...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *