Oltre trenta hotel in vendita a Cervia. Richieste anche per 8 milioni

Dom 11 Novembre 2018 | Redazione Web


Oltre trenta hotel in vendita a Cervia. Richieste anche per 8 milioni

Sun 15 September 2019 | Redazione Web

CERVIA. L’hotel Montecarlo di Milano Marittima è in vendita a una cifra di 3 milioni. Si tratta di uno dei tanti annunci di “Immobiliare-it”, che riguardano le strutture ricettive di Cervia, dove a quanto pare il mercato è in fibrillazione. Diversi albergatori, infatti, sembra che abbiano voglia di cambiare vita e lasciare la gestione degli hotel, ma la richiesta non pare essere sostenuta.

Il Montecarlo occupa una superficie di 2.500 metri quadrati, è dotato di 6 piani e dispone di un accesso diretto alla spiaggia.

Un’altra struttura sul mercato si trova all’Anello del pino, sempre a Mima, con 2.000 metri quadrati di superficie. L’albergo è composto da 54 camere, a 4 piani, con “ampia sala pranzo”.

Una delle proposte più allettanti pare riguardare poi un “albergo totalmente ristrutturato”, in posizione centrale a 50 metri dal mare, al prezzo di 3, 5 milioni. La lista comunque è lunga, basta solo cambiare agenzia e spostarsi su Casa.it, per trovare un albergo di 26 camere a Pinarella, “in splendida posizione, proprio di fronte alla pineta”, al prezzo di 1,4 milioni. E nel calderone finiscono pure i 3 stelle ristrutturati, come quello di 46 camere messo in vendita ancora a Milano Marittima, a 50 metri dal mare.

La località glamour fa d’altronde la parte del leone, in quanto a strutture offerte, salvo poi incassare – almeno al momento – pochi riscontri. Cervia è presente sul mercato con un tre stelle da 4,5 milioni, un altro tre stelle che vale 3,5 milioni, e alcune strutture minori. Ma il pezzo pregiato pare essere il 4 stelle completamente riammodernato offerto a Mima al prezzo altisonante di 8,3 milioni, giudicato “splendido”, con 50 camere “complete di tutti i comfort”, 2 ascensori panoramici e la piscina. Complessivamente sono una trentina le strutture alberghiera in vendita, cui si aggiungono quelle non direttamente pubblicizzate sul web. «In effetti ci sono molte occasioni – afferma Giorgio Benzi della agenzia Bologna -, ma di alberghi se ne vedono pochissimi, per questo il numero degli immobili da piazzare cresce.

La ragione è che i guadagni non sono più quelli di una volta e i costi aumentano, tanto da diventare insostenibili. Vi è poi una certa stanchezza da parte degli albergatori, alcuni dei quali sono stufi di fare questo lavoro, specialmente dopo una stagione come questa».

Quanto voteresti questa pagina?

Clicca sulla stella per votare

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Tag:, , , , ,

Scrivi un commento...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *