Marradi, martedì gli chef stellati scendono in campo a sostegno della fabbrica dei marroni

Continuano gli attestati di solidarietà per evitare la delocalizzazione a Bergamo dell’Ortofrutticola del Mugello di Marradi. Gli chef di “Tempi di recupero” hanno ideato una lodevole iniziativa a sostegno della “fabbrica dei marroni” in programma martedì 18 gennaio. Un appuntamento che vede protagonisti lo chef Gianluca Gorini (da Gorini a San Piero in Bagno), lo chef Riccardo Agostini (Il Piastrino di Pennabilli), gli chef Chiara Pavan e Francesco Brutto (Venissa sull’Isola di Mazzorbo a Venezia) e altri amici chef dell’associazione Chef to Chef Emilia Romagna Cuochi e il sostegno tecnico di Casa Spadoni e i vini di Modigliana – Stella dell’Appennino rappresentati dalla cantina Mutiliana.

Martedì dalle 12 alle 15 in cui gli chef proporranno i loro piatti a tema marroni, al presidio delle lavoratrici e dei lavoratori organizzato davanti ai cancelli della fabbrica, Ortofrutticola del Mugello, nella zona industriale di S. Adriano.

“La proprietà si legge in una nota – ha deciso di spostare la fabbrica a Bergamo. Malgrado le rassicurazioni date dalla neo-proprietaria Italcanditi (controllata dal fondo Investindustrial) che a pochi mesi dal suo arrivo ha palesato le sue intenzioni: spostare le attività entro il 30 gennaio. Questo si traduce in 80 lavoratrici stagionali (con contratti da tre a nove mesi) e 9 dipendenti a tempo indeterminato, che rimangono senza lavoro. Si parla tanto e giustamente di ripopolamento della montagna, Sostenibilità, Enogastronomia e Rete del Recupero perché è in questi luoghi che si gioca il futuro dei territori, e chiudere fabbriche fiorenti va nella direzione opposta, di certo è un evento che non può essere ignorato”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui