Le mani di dieci chef per i primi dieci anni del Quartopiano di Rimini

Gio 18 Luglio 2019 | Laura Giorgi


Le mani di dieci chef per i primi dieci anni del Quartopiano di Rimini

Tue 1 October 2019 | Laura Giorgi

Dieci anni sopra il cielo di Rimini. Il Quartopiano Suite Restaurant ha festeggiato con una serata ricca di sapori, ospiti e sorprese, questo bel traguardo. Per l'occasione dieci sono state le mani di chef che si sono messe all'opera per stupire i circa trecento ospiti, fra i quali anche il sindaco Andrea Gnassi. “Dieci mani per dieci anni” era il titolo della serata di compleanno del Quartopiano Suite Restaurant, andata in scena ieri sera nell’ampio giardino del ristorante, allestito con cinque postazioni animate da altrettante firme di primo piano della cucina: Vincenzo Cammerucci dell’agriturismo Camì a Lido di Savio, Claudio Di Bernardo del ristorante Dolcevita del Grand Hotel di Rimini, Gianluca Gorini del ristorante Da Gorini di San Piero in Bagno, Angelo Troiani del Convivio Troiani di Roma, tutti al fianco del resident chef, gentilissimo ed emozionato padrone di casa, Silver Succi.

{"autoplay":"true","autoplay_speed":3000,"speed":300,"arrows":"true","dots":"true"}

Gli ospiti hanno potuto osservare dal vivo le abili mani degli chef all'opera per creare i piatti protagonisti della serata. Vincenzo Cammerucci ha proposto una millefoglie di zucchine, melanzane, pomodori, rapa rossa e gialle con le verdure freschissime del proprio agriturismo. Claudio Di Bernardo un piatto ispirato alla cucina peruviana, un ceviche di pesci crudi e marinati con verdure, peperoncini verdi e zenzero, squisito. Gianluca Gorini ha optato per un pollo arrosto marinato alla soia, insaporito con una singolarissima maionese agli aghi di pino, restrizione di soia e semi tostati. Da Roma Angelo Troiani ha portato le pappardelle ripiene di ricotta, con burro di canapa, ciliegie ed erba pepe. Davvero ricco di sapori e consistenze il piatto di Silver Succi: risotto Balilla (una varietà recuperata dall'azienda agricola Cascina Canta) alla parmigiana e limone con katsuobuschi di tonno (il tonno viene grattugiato in lamelle sottilissime, essiccato, fermentato e affumicato secondo la tradizione giapponese), mazzancolle e salsa di peperoni. Gli ospiti hanno potuto assaggiare anche gli ottimi prodotti proposti direttamente da chi li fa in altrettanti corner del gusto: l’isola barbecue di Gianni Guizzardi di Bologna, i formaggi di Gastronomia Beltrami di Cartoceto, i salumi dell’azienda agricola Gabrielli il Grigione di San Leo, l'anguilla e pesci marinati di Comacchio, il fritto di Spirito Contadino di Foggia, la Piadina Romagnola con le Mariette di Casa Artusi di Forlimpopoli, il pane a pasta madre e la focaccia di Lorenzo Cagnoli.

E per tutta la serata, gli speciali drink del bartender Charles Flamminio, la Birra Amarcord di Rimini, i vini di Tenuta Colombarda, Tenuta Santa Lucia e Podere Vecciano.

Chiusura in grande stile con la speciale e gigantesca torta del decennale al cioccolato bianco e arancia preparata dal maestro pasticcere Roberto Rinaldini di Rimini.

Aperto nel 2009, il Quartopiano Suite Restaurant, nel centro congressi della Sgr, dispone di una sala elegante capace di ospitare sessanta coperti, fino a 150 coperti in speciali occasioni convegnistiche. Unico ristorante con roof garden panoramico a Rimini, dispone di una brigata di cucina composta da sei professionisti e una carta dei vini, curata dal sommelier e direttore di sala Fabrizio Timpanaro, che conta circa 750 referenze, italiane e internazionali.

Quartopiano è segnalato dalle migliori guide internazionali. La Guida Michelin ha definito la sua cucina come “una delle migliori della zona” di Rimini, mentre la Guida ai Ristoranti e Vini d'Italia 2019 dell’Espresso ha confermato il cappello; segnalato anche dalla Guida di Identità golose e di recente inserito nella Guida alle buone tavole della tradizione dell’Accademia Italiana della Cucina e nel Golosario di Paolo Massobrio.

Chef del locale è il forlimpopolese Silver Succi, cresciuto con Gualtiero Marchesi, Mauro Uliassi, Gino Angelini e Vincenzo Cammerucci. Dopo avere collaborato con i più prestigiosi ristoranti nelle località montane di Madonna di Campiglio e Cortina d’Ampezzo, l’amore per la sua terra lo riporta alle sue radici e alla sua cultura dei sapori di Romagna. Aderente a Chef to Chef, associazione di cuochi e produttori d'eccellenza della regione Emilia Romagna, Silver prende parte alle principali manifestazioni gastronomiche a livello europeo, comprese la recente Al Meni, al fianco del celebre chef Massimo Bottura. <La nostra cucina ha solide basi ancorate al territorio e alla tradizione, ma ci piace stare al passo coi tempi e perché no anche con le mode> ha detto ieri sera lo stesso Silver Succi.

Quanto voteresti questa pagina?

Clicca sulla stella per votare

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Scrivi un commento...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *