Imola, vaccini a casa a Medicina e terza dose migliaia di prenotati

A Medicina i medici di famiglia portano il vaccino al letto del paziente non trasportabile e l’équipe domiciliare dell’Ausl di Imola vaccina i pazienti con difficoltà ai lunghi tragitti al Centro prelievi della Casa della salute.

Una rete per il vaccino

Un’organizzazione di comunità permetterà agli anziani di Medicina allettati o con maggiori difficoltà di trasporto di ricevere la terza dose in prossimità. Nove medici di famiglia, sui 13 che fanno riferimento alla Casa della salute di Medicina, hanno già avviato la vaccinazione a domicilio dei loro assistiti over 80 allettati e non trasportabili, offrendo sia la terza dose anticovid che l’anti-influenzale. Domani l’équipe domiciliare del centro vaccinale di Castel San Pietro ha poi organizzato al centro prelievi della Casa della Salute di Medicina la vaccinazione, anche combinata con anti-influenzale per chi lo desidera, di circa 50 anziani con fragilità tali da impedirne il trasporto ad Imola o a Castello. Tra questi, chi non ha modo di essere trasportato dai propri famigliari potrà usufruire di un servizio di trasporto organizzato dal Comune di Medicina grazie ad alcune Associazioni di volontariato del territorio che, con la consueta generosità, hanno aderito all’iniziativa. Per gli anziani non trasportabili e il cui medico non aderisce alla vaccinazione domiciliare, sono attive le équipe vaccinali domiciliari dell’Ausl di Imola, che hanno già programmato gli accessi durante tutto il mese di novembre, sempre a partire dagli over 80. Un’organizzazione di comunità che ha messo in rete tutte le risorse disponibili per garantire un servizio vaccinale di prossimità a chi ne ha davvero necessità. «È fondamentale che le persone più fragili possano ricevere al più presto la terza dose del vaccino contro il Covid – ha dichiarato il sindaco di Medicina Matteo Montanari –. Grazie quindi ai Medici di Base, al personale dell’Ausl di Imola e ai nostri volontari per l’attivazione di questi servizi che avvicinano il vaccino ai cittadini. Continua, con l’aiuto di tutti, il grande sforzo collettivo verso il ritorno alla normalità».

Bollettino

Le vaccinazioni sono arrivate a quota 205.626 sul territorio da inizio campagna, di cui oltre 4700 terze dosi e sono circa 9500 le persone prenotate per la vaccinazione da domani al 14 dicembre, tra cui 8000 terze dosi. Intanto però il contagio si rialza: 95 nuovi contagiati in tre giorni, 6, 7 e 8 novembre, su 1633 test molecolari e 742 antigenici rapidi refertati: 15 fino ai 14 anni, 4 tra i 15-24 anni, 17 tra i 25-44 anni, 23 tra i 45 e i 64 anni e 36 dai 65 anni in poi. 35 asintomatici, 33 individuati tramite contact tracing e 1 tramite test per categoria, 36 al momento della diagnosi erano già isolati e 4 riferibili a focolaio già noto. Sono 38 i guariti. Sono 373 i casi attivi e 14.022 i casi totali da inizio pandemia. Scendono a 2 i cittadini del circondario in terapia intensiva a Bologna.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui