Imola, tre ponti da rifare e una nuova rotonda

Con l’avvio del nuovo anno sono diverse le opere stradali previste dal Comune di Imola per le quali, in parte si avvia la progettazione e che vedranno la luce solo nel 2023, mentre per alcune si passa alla fase esecutiva.

Nuova rotonda sull’Emilia

Sorgerà una rotonda dove oggi c’è lo svincolo che dalla statale via Emilia conduce alla frazione di Zello, e prima i centri commerciali che si trovano in fregio alle due stesse vie. Un punto molto trafficato, dalle auto in transito sulla direttrice Imola-Faenza e viceversa, ma anche dai clienti delle diverse strutture commerciali che si affacciano proprio sull’intersezione. Non è un caso che quell’incrocio alle porte della città sia stato spesso teatro di incidenti anche gravi, ora il comune ha previsto, fra le opere su cui investire nel 2023, una rotonda. E intanto si parte della progettazione.

Incarico di progettazione

Il dirigente comunale dell’area sviluppo del territorio ha firmato la determina che assegna ad Area Blu, la partecipata comunale che si occupa fra le altre cose anche di manutenzione stradale e vari aspetti della viabilità, la somma di 55.000 euro per avviare fin da ora la fase progettuale, rispetto all’affidamento delle risorse per l’intero intervento, già previsto nell’annualità 2023 del Programma triennale investimenti 2021/2023. Una rotonda il cui costo stimato, ad ora, è di un milione e 955mila euro.

Ponti da sistemare

A fine anno la giunta comunale ha invece disposti di mettere mano ad alcuni ponti dopo le attività di ispezione su tutti i ponti presenti nel Comune di Imola (avviate a suo tempo già dal commissario Nicola Izzo), sono emerse tre situazioni critiche per tre strutture che sono state valutate come insufficienti e per le quali è stato necessario provvedere fin da subito mediante interdizione o limitazioni di portata in attesa di intervenire per la risoluzione delle criticità alla radice.

Demolire e ricostruire

Al termine del percorso autorizzativo, che ha coinvolto il Consorzio di Bonifica della Romagna Occidentale per il ponte di via Rondanina e l’Arpae per i ponti di via Ponticelli Pieve 3B e 36, la giunta ha approvato il progetto esecutivo che prevede la demolizione e successiva ricostruzione di due manufatti di attraversamento del rio Ponticelli Pieve ubicati in prossimità dei civici 3B e 36 e di un manufatto di attraversamento del canale di scolo “Sguazzaloca”, ubicato in via Rondanina, all’intersezione con la statale San Vitale. Il quadro economico complessivo prevede risorse per 405mila euro di cui 323.303 euro solo per le opere di demolizione e ricostruzione dei tre passaggi.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui