Forlì, un nuovo sistema fognario nel quartiere di Vecchiazzano

È stato approvato nei giorni scorsi dalla giunta Zattini, su proposta dell’assessorato alla mobilità e all’ambiente del Comune di Forlì, il progetto esecutivo dell’importo di 200.000 euro di una strategica opera di urbanizzazione che interessa buona parte del quartiere di Vecchiazzano e che consiste nella realizzazione di un nuovo sistema fognario per drenare le acque piovane e scongiurare episodi di allagamento. 
L’opera, come sottolineato dall’assessorato alla mobilità in sinergia con quello ai lavori pubblici, è finalizzata alla messa in sicurezza idraulica del sistema di drenaggio urbano delle acque meteoriche nell’ambito delle vie Veclezio e Castel Latino in località Vecchiazzano, poiché in tale area è attualmente presente una rete fognaria obsoleta, che ha presentato nel recente passato problemi di inofficiosità anche a fronte di eventi piovosi ordinari, a causa della ridotta capacità di drenare le acque superficiali e di allontanarle dalle sedi stradali interessate. Al fine di ridurre potenziali rischi di allagamento e garantire la sicurezza dei residenti, si è reso pertanto necessario sostituire l’esistente impianto fognario con un nuovo sistema di drenaggio (condotte fognarie, tombini e caditoie stradali) in grado di raccogliere le acque piovane e di convogliarle nel fosso del Cavone, che scorre interrato a breve distanza dal bacino in esame. L’opera, nelle intenzioni dell’amministrazione comunale, rappresenta un primo lotto attuativo di un più ampio programma di miglioramento dell’officiosità idraulica del quartiere di Vecchiazzano interessato in questi mesi da un elevato numero di interventi volti a migliorare, tra le altre cose, anche la fruibilità e la sicurezza della viabilità urbana. È di qualche giorno fa infatti l’approvazione del progetto definitivo di realizzazione di una nuova pista ciclabile nel tratto di via Castel Latino tra la rotatoria Maria Biondi (via Del Partigiano) e la via Antonio Pigafetta che prevede anche il rifacimento e la messa in sicurezza dei due marciapiedi nonché l’adozione di tutte le misure necessarie per il superamento delle barriere architettoniche e la messa in sicurezza di numerosi punti critici della medesima strada.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui