Forlì, il quartiere Romiti piange il medico Mario Bartoli

Il quartiere Romiti perde un’altra figura straordinaria nella storia del territorio. Si è spento il dottor Mario Bartoli, punto di riferimento per il suo Quartiere, i Romiti, e per tante persone del territorio forlivese. Nato a Livorno il 7 settembre 1931 e nella sua stessa città natale si diplomò al liceo classico Niccolini – Guerrazzi. Dopo la guerra, si trasferì, con i genitori e il fratello, a Forlì.Nel 1956 si laureò in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Bologna, quindi conseguì la specializzazione in Malattie del Fegato e Ricambio presso l’Università di Ferrara. Non ancora laureato, fra il 1955 e il 1956, iniziò la professione sostituendo il dottor Antonio Zambianchi, medico condotto nel quartiere Romiti della città di Forlì. Quindi svolse incarichi a Bertinoro e all’Ospedale Nefetti di Santa Sofia, per poi ritornare, all’inizio degli anni Sessanta, ai Romiti a svolgere la sua professione di medico di base che mantenne fino alla pensione, nel 1999. Di questa sua lunghissima carriera, di tutti i suoi pazienti ha sempre mantenuto vivissimi e affettuosissimi ricordi fino all’ultimo. Era un uomo coltissimo, dagli sconfinati interessi, di straordinaria vivacità intellettuale e di una smisurata curiosità.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui