Forlì, gli agricoltori stilano il bilancio dopo il maltempo

Dopo un lungo periodo di siccità estiva è finalmente arrivata la pioggia e gli agricoltori possono tirare un sospiro di sollievo. L’acqua è arrivata però in maniera un po’ violenta e abbondante, ma per fortuna nella zona di Forlì-Cesena non si sono verificati gravi danni.

«Fortunatamente, la grandine non l’abbiamo vista – afferma Paolo Paganelli, della Società agricola Paganelli a Magliano – cosa che temevamo e ci aspettavamo. Non abbiamo più i problemi della siccità che ci aveva colpiti in questi mesi, provocando scottature alla frutta e un calo della pezzatura di circa un 20%, ma forse quest’acqua tutta così in una volta è un po’ troppa».

Alcune varietà e piantagioni soffrono di più il caldo ed altre la pioggia. «Il vento e il peso della pioggia – prosegue Paganelli – fa cadere dalle piante le pesche nettarine ormai alla fine del raccolto. Questo non va bene. Mentre per kiwi, mele e alcuni tipi di pere, le precipitazioni non sono un problema anzi, tutto il contrario essendo frutti più autunnali».

Servizio sul Corriere in edicola



Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui