Festa dell'Arma a Rimini. "Reati in calo, rinforzi per l’estate"

Gio 6 Giugno 2019 | Andrea Rossini


RIMINI. Seicento arresti, più di tremila denunce negli ultimi dodici mesi a fronte di un calo di reati, tre su quattro dei quali perseguiti dall’Arma in tutta la provincia, dell’undici per cento. Ma il comandante provinciale dei carabinieri Giuseppe Sportelli più che bearsi dei numeri lusinghieri preferisce soffermarsi sul «lavoro che non si vede, alla base dei nostri migliori risultati: un lavoro costante, intenso, svolto in silenzio e con discrezione» da parte dei militari. Impegnati in un’attività di «dialogo e di consiglio di cui non si parlerà mai, ma che ci rende orgogliosi di essere parte integrante del tessuto cittadino e sicuro punto di riferimento per la difesa della comunità».

È il cuore del discorso pronunciato ieri dall’ufficiale nel corso della celebrazione del 205° anniversario della fondazione dell’Arma. Un elogio alle donne e agli uomini in divisa schierati agli ordini del capitano Marco Califano, comandante della Compagnia di Riccione.

{"autoplay":"true","autoplay_speed":3000,"speed":300,"arrows":"true","dots":"true"}

«A Rimini per aiutarvi»
Il tradizionale incontro si è svolto nel piazzale Francesca da Rimini, la nuova arena a ridosso di Castel Sismondo. «I carabinieri sono a Rimini per potervi aiutare», aggiunge il colonnello rivolto ai cittadini presenti, rassicurati dal calo costante dei reati (passati da 18.480 a 16.409) e dal contemporaneo incremento degli autori individuati.


Rinforzi estivi
Buone notizie anche per la sicurezza dei turisti: per l’estate sono in arrivo 230 carabinieri di rinforzo, mentre a settembre sarà inaugurata la nuova caserma di Bellaria. Infine la festa nella festa: familiari, militari in congedo, vertici delle forze dell’ordine e autorità cittadine (compreso il prefetto Alessandra Camporota), pronti a per riconoscersi nei valori che caratterizzano l’Arma.
I premiati
Ecco, infine, l’elenco dei militari premiati con l’encomio. Luogotenente carica speciale Claudio Cacace; appuntato scelto qualifica speciale Nicola Schiralli; carabiniere scelto Angelo Lacerenza (sgominato traffico internazionale di droga, recuperati 154 chili di stupefacenti); capitano Marco Califano, maresciallo maggiore Eugenio Ballerini, vicebrigadiere Guido Insogna, appuntato scelto qualifica speciale Danilo Santoni (arrestata banda di ladri seriali di appartamenti); luogotenente carica speciale Antonio Amato, brigadiere capo qualifica speciale Maurizio Falsi, brigadiere capo qualifica speciale (ora in congedo) Pasquale Fiore - più “apprezzamento” all’appuntato scelto qualifica speciale Luigi Nappi e all’appuntato scelto Gian Mario Caldararo (operazione anti-droga); luogotenente carica speciale Nicola Travaglino, maresciallo maggiore Gianni Aristide Saviano, maresciallo capo Ivan Iacona, brigadiere capo qualifica speciale Angelo Maurizio Collura, appuntato scelto Alessandro Andreoli, appuntato scelto Paolo Maccariello (sgominata banda di narcotrafficanti); capitano Marco Califano, maresciallo maggiore Luigi Scortechini, appuntato scelto qualifica speciale Nazzareno Micucci (individuata e arrestata organizzazione dedita a furti in appartamento in più province); capitano Sabato Landi (indagine su droga e armi); maresciallo capo Alessandro Lippolis (indagine con il coinvolgimento della ’ndrangheta); capitano Marco Califano (indagine con il coinvolgimento della ’ndrangheta) maresciallo capo Antonio Gigante (frode nelle pubbliche forniture e traffico illecito di rifiuti); maresciallo ordinario Maria Cristina Lombardi (scoperta piantagione di droga); tenente colonnello Antonio Sergi (partecipazione alla missione addestrativa italiana in Somalia con il ruolo di senior advisor); appuntato scelto qualifica speciale Francesco Giuseppe Fiori - appuntato scelto Daniele Bianchi (salvataggio suicida); capitano Sabato Landi, brigadiere capo Paolo Carlino, appuntato scelto Mario Di Muro (indagine maltrattamenti casa di riposo); maggiore Maurizio Petrarca, luogotenente carica speciale Armando Pezzarossa, maresciallo maggiore Sergio D’Attoma, maresciallo capo Pompilio Maffei (cattura autori di tentato omicidio); capitano Marco Califano, maresciallo maggiore Luigi Scortechini, brigadiere capo Matteo Morri, appuntato scelto qualifica speciale Nazzareno Micucci (arresto dell’autore di un femminicidio); luogotenente carica speciale Luigi Prunella, luogotenente carica speciale Francesco Livorti, luogotenente Antonio Foscolo, maresciallo ordinario Simone Floris (cattura autori rapina a mano armata).

Condividi su Facebook    Condividi su WhatsApp

,

,

,

,

,

,

Scrivi un commento...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *