Energia, la proposta dell’Ugl: “Fotovoltaico in tutti gli edifici pubblici entro 3 anni in Emilia-Romagna”

“Energia fotovoltaica per tutti gli edifici pubblici entro tre anni in Emilia-Romagna”. E’ la proposta lanciata dal sindacato Ugl Emilia-Romagna attraverso il segretario regionale Tullia Bevilacqua. “L’Emilia-Romagna ha realizzato la mappatura degli edifici pubblici e privati aperti al pubblico o di pubblico accesso con amianto. In oltre il 70% dei casi il materiale identificato è stato rimosso e nei rimanenti è sotto controllo o messo in sicurezza. Dobbiamo completare le bonifiche. E, tornando al tema energetico, lanciamo l’idea di programma regionale triennale per il raggiungimento dell’autonomia energetica degli edifici pubblici (sedi di enti locali, scuole, ospedali, apparati burocratici etc…) attraverso l’installazione di impianti fotovoltaici o sistemi di copertura innovativi come i coppi fotovoltaici invisibili. L’innovazione in questo settore ha fatto passi da gigante”.

Tullia Bevilacqua, segretario regionale Ugl

Adottare scelte coraggiose è compito della politica se non vuole abdicare al proprio ruolo, relegandosi alla condizione di improvvisare misure d’emergenza, rinunciando a una visione lungimirante e alla capacità di programmazione per la quale è deputata. In questa fase storica di doppia crisi: energetica e militare è importante garantirsi l’approvvigionamento energetico, in un quadro nazionale notoriamente carente per programmazione ed esiguità di risorse. E a nostro parere tocca proprio a chi governa i territori (i sindaci, i presidenti di Provincia e lo stesso presidente Bonaccini) muovere i passi necessari verso l’autonomia energetica ed il risparmio delle risorse”, aggiunge il segretario regionale Ugl Emilia-Romagna.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui