La cronaca riminese tra 800 e 900: il merdaiolo

La cronaca riminese tra 800 e 900: il merdaiolo

RIMINI. Nei primi anni del Novecento la rete fognaria stradale era molto carente e limitata solo ad alcuni settori della città. I pochi scarichi esistenti, convogliati un po’ alla buona verso rudimentali collettori, non subivano un efficace processo di smaltimento e nella maggior parte dei casi occorreva intervenire manualmente per togliere l’eccedenza stagnante. Erano soprattutto i contadini che si accollavano l’onere della pulizia dei pozzi neri e non senza ricavarne un utile, poiché il liquame che raccoglievano era utilizzato come concime. L’operazione, eseguita nelle ore più impensate della giornata e con carretti che perdevano per strada buona parte di ciò che andavano a raccogliere, inondava per giorni e giorni il rione di un insopportabile fetore. La maggior parte delle abitazioni, inoltre, era priva di tubature per lo scarico delle acque nere e i rifiuti, non potendo essere spazzati via dal liberatorio scroscio d’acqua, dovevano trovare ospitalità in qualche angolo della casa o della mobilia ed aspettare che passassero i merdaioli, ovvero gli addetti alla raccolta di tali prodotti, chiamati anche gli “uomini della botte”, poiché svolgevano il necessario servizio urbano con dei recipienti – le botti, appunto – sistemati su carretti trainati da somarelli. In questi contenitori ogni giorno confluivano, molto democraticamente, tutti gli escrementi della popolazione riminese. L’articolo completo sul Corriere Romagna in edicola oggi, 24 marzo.

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *