Cesena, appaltata la rotonda di Ruffio: 100 giorni per chiudere un incubo

Dopo uno stillicidio di incidenti stradali da Guinness dei primati, che hanno alimentato per anni proteste e di richieste d’intervento, sono stati finalmente appaltati i lavori per realizzare l’ormai famosa rotonda di Ruffio. È l’opera con cui si metterà in sicurezza l’incrocio tra le Strade provinciali 123 e 70, rispettivamente denominate Ponte Pietra-Sala e Ruffio.
Lunedì scorso, la Provincia di Forlì-Cesena ha aggiudicato la gara alla “Batistini Costruzioni Generali Srl”, ditta di Follonica, in provincia di Grosseto. Grazie a un ribasso di circa il 22% rispetto alla base d’asta, che ha abbassato a 353.819 euro il costo inizialmente stimato, ha preceduto nell’ordine l’azienda riminese “Sintec” e un’altra della zona di Vicenza. In tutto, erano state invitate a partecipare 5.
Una volta aperto il cantiere, i lavori dovranno essere ultimati in 100 giorni. Se non ci saranno intoppi, tutto dovrebbe quindi essere pronto verso la fine dell’inverno.
Oltre alla realizzazione della rotatoria, che sarà formata da un cuore centrale verde e da quattro isole spartitraffico nei quattro rami d’accesso, sono previsti il rifacimento della pavimentazione in alcuni tratti stradali e la risagomatura di fossi esistenti in zona, a partire da quello principale, fino allo scolo consorziale dell’Olchetta.
Da tempo i residenti e chi passa di frequente da quelle parti sottolinea la pericolosità dell’incrocio su cui si sta per intervenire. È nato anche un vero e proprio comitato, che da tempo “censisce” gli incidenti che si verificano, documentandoli anche con foto e dandone notizia in uno specifico gruppo social, per dare forza alla propria richiesta di realizzare la rotonda. Come recita il proverbio, chi la dura la vince e così alla fine la mobilitazione dal basso ha fatto centro.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui