Calcio C, Rimini, si ferma l’inossidabile Delcarro

Alla fine anche lo stakanovista Andrea Delcarro è costretto ad alzare bandiera bianca. E l’ammonizione ricevuta domenica a Olbia è una di quelle che fa rosicare. Con ogni probabilità sarebbe capitato prima o poi vista la diffida ma il dato che balza all’occhio è che il carrarmato con il vizio del gol biancorosso finora è stato l’unico dello scacchiere di Gaburro a non saltare mai una partita (sempre titolare a parte a Siena in cui è subentrato nell’ultima mezzora). Se l’allenatore veneto ha spesso mescolato la formazione, il centrocampista bergamasco è stato il fedelissimo per eccellenza.

«Il cartellino giallo mi fa un po’ rosicare – ammette Delcarro – perché non ci stava, soprattutto rispetto ad altri falli, l’arbitro avrebbe potuto risparmiarselo. Però avevo raggiunto quattro ammonizioni e per il tipo di giocatore che sono è una cosa che poteva essere messa in conto. Sarà strano per me, soffrirò tanto ma so che i miei compagni faranno una grande partita».

Scalpita dunque il neo acquisto Kevin Biondi, che con ogni probabilità esordirà da titolare al suo posto.

«In ritiro eravamo in camera assieme e ho già visto in allenamento tanta intensità e qualità, penso ci potrà dare una grossa mano. Ha caratteristiche diverse dalle mie, secondo me potremo anche giocare assieme».

La sosta forzata potrà servire a Delcarro per recuperare un po’ di energie visto che il suo 2023 è iniziato leggermente più al ribasso rispetto agli standard. «Premesso che avrei preferito giocarle tutte, la squalifica aiuterà a ricaricare le pile. Avrei voluto partire forte ma per tutti le cose non stanno girando nel modo giusto e ovviamente anche le prestazioni del singolo ne risentono. Per fortuna non ci sarà tanto tempo da aspettare perché la prossima settimana c’è l’infrasettimanale ad Alessandria».

Il pareggio portato a casa domenica da Olbia viene visto in maniera positiva dal centrocampista classe ’93: «Non lo considero un passo falso, abbiamo giocato in un campettino difficile in condizioni meteorologiche non delle migliori. È stata una partita bruttina ma l’1-1 è un punto di partenza. Sappiamo che ci sono delle cose da migliorare, non subire gol e realizzarli, ma dobbiamo guardare il lato positivo. Adesso ci attendono le sfide contro Lucchese e Alessandria, la classifica è sempre corta e il cammino ancora lungo, sono tutte finali».

Il Rimini dopo un avvio brillante fatica a concretizzare. «Il campionato è composto da diverse fasi, prima ci riusciva tutto bene, adesso gira in maniera diversa».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui