Calcio C, Cerretti: il gol-salvezza per un’Imolese che non ha mai mollato

«Fidati, dacci un’occhiata e vedrai che questo giocatore è forte». Se i muri degli uffici del Bacchilega potessero parlare, vi riferirebbero di aver sentito questa frase la scorsa estate quando c’era da costruire la nuova Imolese dopo un anno nel quale Cristian Cerretti aveva giocato la sua prima stagione con i grandi chiusa con un ottimo play-out con il Fano. Chi lo aveva conosciuto nella stagione 2020/2021, aveva apprezzato la serietà e le potenzialità di questo ragazzo che ha firmato un gol storico per la salvezza dell’Imolese, un gol indimenticabile che finisce di diritto assieme a quelli di Del Monte, Maresi e Spezia ovvero ai gol della vittoria negli spareggi per la promozione in C, ovvero in quella categoria che i rossoblù vivranno per il quinto anno consecutivo grazie al volo del 23 rossoblù sui titoli di coda con la Pistoiese.
Un volo che ha chiuso una stagione mai così sofferta per un’Imolese che adesso si gode una salvezza che pareva impossibile da ottenere visto il mare di problemi dentro e fuori dal campo nel quale ha navigato la nave di Fontana, bravo a tenere sempre sul pezzo il suo “equipaggio” anche nei momenti in cui la tempesta infuriava ed il naufragio sembrava dietro l’angolo. Una salvezza ottenuta con attaccanti da 4 gol a testa e con la difesa che è stata l’arma offensiva principale di una squadra che ha trovato dentro di sé la forza di rialzarsi dopo botte come quella di Modena. Una botta dalla quale si è rialzato Rossi, che ha vinto il terzo play-out consecutivo con la maglia dell’Imolese a chiusura di una stagione difficile anche per il simbolo dei rossoblù, spesso bloccato dagli infortuni e comunque decisivo con il suo spirito all’interno dello spogliatoio.
La salvezza dell’Imolese è anche quella di chi, nell’ombra o con un sorriso al momento giusto, è riuscito a tenere assieme i pezzi quando tutto sembrava sgretolarsi lontano dal prato verde: Elisa Tassinari (come si evince dal comunicato stampa post-partita nel quale la società ha annunciato la conferenza stampa di De Sarlo di giovedì) è diventata a stagione in corso qualcosa di più della segretaria generale dell’Imolese, mentre Marco Montanari, come direttore generale e uomo di campo, con la terza salvezza ha messo la ciliegina sulla torta al suo ultimo valzer al Bacchilega. Per lui probabile l’addio: Forlì, Ravenna sono possibili destinazioni al pari del Medicina in Eccellenza.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui